ASCOLI PICENO – Chiude con una pesante sconfitta sul campo del Benevento il 2019 dei bianconeri che torneranno ad allenarsi mercoledì 8 gennaio alle ore 15  al Picchio Village: nove giorni di vacanza  per l’Ascoli visto che il girone di ritorno prenderà il via sabato 18 gennaio alle ore 15:00 in trasferta a Trapani.

Le pagelle dei bianconeri

Leali 6: Nonostante a referto ci siano 4 gol a carico, il portiere bianconero è sempre tra i migliori effettuando parate importanti e mettendoci letteralmente una “mano” in tutti i gol cercando di salvare la porta bianconera.

Andreoni 5,5: Tra i più abili a effettuare buoni cross in area e a farsi trovare sempre pronto nelle veloci ripartenze viene espulso nel finale, ingenuità che gli costa la squalifica.

Brosco 5,5: Attento in difesa, sopratutto nel primo tempo, ma statico e passivo in alcune azioni del Benevento

Gravillon 5,5: Tiene la difesa, l’unico sempre pronto ma soffre troppo Coda nelle incursioni sulla destra e spesso cade nelle finte del centravanti

Padoin 5,5: Più propositivo rispetto ad altre gare soffre però la potenza fisica di  Kragl, può fare di più ma lavora di esperienza non sbavando mai.

Gerbo 6,5: Il migliore del centrocampo in ripresa già dalla gara di Pordenone non sbaglia quasi mai ed è sempre propositivo fungendo anche a volte da play basso e si rende pericoloso con alcuni cross e filtranti per Ardemagni sia nel primo che nel secondo tempo

Petrucci 5: Fa il suo e nulla più, lento e macchinoso non è al meglio della sua condizione non si propone mai. (Troiano 6: La sua esperienza e la voglia di aiutare la squadra lo rendono più utile in mezzo al campo, entra, corre e gestisce ma ormai la partita aveva già preso la sua andatura.)

Cavion 6: Bene anche in questa partita corre e lotta su ogni pallone ma non si rende pericoloso se non in due occasione, gara buona la sua in un percorso che lo vede ormai un pilastro del centrocampo

Brlek 5: Non la sua gara, il compito del Benevento è limitare il lavoro delle mezz’ali bianconere e lui si abbassa offrendo il suo supporto ma non svolge il ruolo da trequartista che gli era stato affidato viene sostituito dopo soli 52 minuti. (Scamacca 5: Non partecipa quasi mai alla manovra bianconera, unico lampo un tiro da fuori area nel finale che sfiora la traversa.)

Ardemagni 6,5: Uno come lui non può mai mancare, non si tira in dietro, lotta, corre e si fa sempre trovare pronto in area. Ha due buone occasioni ma un fuorigioco e Montipò gli negano la gioia

Da Cruz 6: Bene nel primo tempo meno nel secondo, la sua velocità e tecnica gli permettono di creare superiorità numerica ma non riesce ad essere incisivo (Rosseti s.v.: solo 10 minuti in campo senza toccare troppi palloni)


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.