AGGIORNAMENTO ORE 18.30 Una nota dell’Ansa, evidentemente in contatto con fonti governative, intitolata “Marche si adeguano a coordinamento governo”, riporta il testo seguente: “Le Marche, a quanto si apprende da fonti di governo partecipanti alla riunione alla Protezione Civile, si adeguano al coordinamento nazionale “ammettendo, come aveva proposto più volte il governo, lo stretto monitoraggio alle sole aree della provincia di Pesaro, così come per altre province confinanti con altre aree focolai, evitando così di trascinare l’intera regione nelle blacklist internazionali sulle regioni con aree con focolai”

ASCOLI PICENO – Così il Presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli commenta l’incontro avvenuto in giornata, lungo circa tre ore, avvenuto con il Governo.

“E’ appena terminata una lunga riunione con Palazzo Chigi e con tutte le Regioni. L’obiettivo del Governo è quello di fare un nuovo decreto che regolerà l’intero paese. L’obiettivo è di avere regole omogenee che si applichino secondo criteri oggettivi.

Il decreto dovrebbe arrivare in serata, per poi diventare operativo da domani.

Il nostro impegno è di informare tutti non appena questo sarà disponibile, in modo da poter mettere in atto tutte le iniziative che servono a proseguire il lavoro di contenimento del Coronavirus”.

Dalle indiscrezioni della stampa nazionale, le scuole e le università dovrebbero restare chiuse in Lombardia, Veneto ed Emilia-Romagna per altri 8 giorni, oltre che nella provincia di Savona.

Il Ministro dell’Istruzione Azzolina ha confermato che l’esame di maturità non è in discussione.

Per evitare la diffusione di notizie di tipo apprensivo, la Protezione Civile si limiterà ad un solo incontro serale per comunicare l’aggiornamento dell’infezione da coronavirus.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.