ASCOLI PICENO- “Auspichiamo che nel decreto semplificazione ci siano anche risposte alla prima emergenza che ha interessato il nostro territorio e cioè la ricostruzione post-sisma: per troppo tempo tutti i governi che si sono succeduti hanno trascurato una semplificazione che come sindaci abbiamo chiesto fin dal primo momento. Un miliardo di euro stanziati per ricostruire le  opere pubbliche oggi bloccate  dalla burocrazia”.

Così, in una nota il 17 maggio, il sindaco di Force Augusto Curti nonché Coordinatore piccoli comuni Anci Marche: “Voglio anche ricordare che l’ultimo sblocca cantieri fatto dal governo giallo-verde non trovava applicazione per i cantieri del sisma. Oggi per arrivare ad appaltare un’opera pubblica con fondi sisma occorrono 23 passaggi burocratici, contro i 16 di un opera pubblica che segue il percorso ordinario: surreale, ma pura verità“.

Il primo cittadino prosegue: “Confidiamo di non essere beffati anche questa volta e di veder presto nel ‘decreto legge semplificazione’ che il Governo si appresta a varare le norme che ci permetteranno di ricostruire il nostro patrimonio pubblico e dare un futuro ai nostri territori duramente colpiti dal sisma prima e dal Covid oggi. Sono sicuro che il Commissario Giovanni Legnini, che già ha dimostrato competenza e determinazione, saprà al meglio  gestire anche questo passaggio”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.