ASCOLI PICENO – Di seguito una nota del Max Racing Team del 9 agosto.

Si è concluso un weekend avaro di soddisfazioni per lo Sterilgarda Husqvarna Max Racing Team al Gran Premio della Repubblica Ceca. Romano ha concluso la gara in nona posizione, ad 1 millesimo di secondo da Arbolino ed è stato necessario il fotofinish, per chiarire l’esatta posizione! Per il nostro Alonso, al rientro dopo il malore occorsogli nel precedente gran premio, la gara si è conclusa con un crash molto violento a nove giri dalla fine.

Ecco nel dettaglio le prestazioni dei nostri due piloti.

Partito dalla nona posizione, Romano sul traguardo del primo giro è transitato ottavo. Al secondo dei diciotto giri di gara, ha fatto segnare il suo best lap in 2’09.170, prestazione che rappresenta l’ottavo giro più veloce.

Romano per tutta la gara è rimasto sempre nel gruppo di testa, ma purtroppo non è riuscito a trovare il guizzo per attaccare le prime posizioni. Negli ultimi tre giri si è accesa una bella lotta con il connazionale T.Arbolino, che li visti arrivare appaiati sul traguardo. E’ stato necessario ricorrere al fotofinish, per accertarsi della posizione. Romano ha concluso la gara a 1.648 s dal vincitore D.Foggia.

Finale amaro invece per Alonso, che è incappato in una caduta alla curva 4 piuttosto dura, nel corso del decimo giro. Dopo essere partito dalla ventiseiesima casella, il nostro portacolori aveva già recuperato qualche posizione ed al momento della caduta era ventesimo, con un distacco dalla testa della gara di circa 3.5 s. 2’09.417 è il best lap fatto segnare al quarto giro. A causa della caduta Alonso ha accusato qualche vuoto di memoria, per cui dopo un primo medical check in Clinica Mobile, si è preferito trasferirlo in ospedale, per effettuare una TAC di controllo. Un vero peccato per il nostro Alonso, che speriamo si possa riprendere presto.

Ecco le parole del centauro ascolano.

Romano Fenati: “Sono contento della gara, ma so anche che dobbiamo migliorare. Stiamo facendo un buon lavoro, infatti abbiamo ottimizzato tanto il setting della moto già a Jerez 2, ma qui abbiamo fatto un ulteriore passo in avanti. Il nostro lavoro step by step è molto proficuo. Per la prossima gara è necessario migliorare ancora un po’, in particolar modo la frenata e l’accelerazione, infatti abbiamo ancora un po’ di difficoltà a far voltare la moto. Dobbiamo rimanere concentrati per poter dare il massimo”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.