ASCOLI PICENO – “Nel cuore dei Sibillini i militari della Stazione Carabinieri Forestale di Comunanza hanno deferito all’Autorità Giudiziaria il titolare di una ditta boschiva e altre due persone per aver eseguito il taglio abusivo ed irregolare di un bosco di alto fusto misto di latifoglie e conifere per una superficie di circa seimila metri quadrati, provocando una alterazione paesaggistico-ambientale dello stato dei luoghi, deturpando l’ecosistema bosco alterandone gli equilibri”.

Così, in una nota stampa, i Carabinieri Forestali del Piceno il 15 settembre: “I reati contestati sono previsti e puniti dall’art 181 del decreto legislativo 42/2004 in materia di tutela Paesaggistica e dall’art. 734 del Codice Penale. I trasgressori rischiano fino a due anni di arresto per aver tagliato a raso un bosco di alto fusto, in violazione a tutte le normative di settore”.

“Sono state inoltre contestate sanzioni amministrative per un importo complessivo superiore a 5 mila euro” concludono i militari.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.