ACQUASANTA TERME – Anche quest’anno decine di ricercatori e professionisti da tutta italia raggiungeranno il piceno per la Scuola di Fornara: un momento di autoformazione e approfondimento per chi lavora, fa ricerca e militanza sui temi della montagna appenninica, con un denso programma di interventi, ospiti accademici e protagonisti dal territorio terremotato.

Nonostante il carattere autorganizzato e autogestito del progetto, lontano da università e centri accademici, continua il processo di condivisione della conoscenza che ha caratterizzato, fin dalla sua nascita, il lavoro del gruppo di ricerca che ha appena dato alle stampa l’ultima fatica editoriale “Sulle tracce dell’Appennino che cambia – voci dalla ricerca sul post-terremoto 2016-2017”.

Tra le attività aperte al pubblico la festa del carbonaio di Meschia (l’1 settembre dalle 16) e l’incontro sullo stato dell’arte della ricostruzione con il Commissario Legnini (il 4 settembre a Tronzano di Mozzano alle 17.30). Per gli oltre cinquanta iscritti la scuola ospiterà seminari, masterclass, passeggiate, proiezioni, approfondimenti, spettacoli, socialità e incontri pubblici, attraversando 5 diverse località nel cratere della montagna picena tra cui Fornara di Acquasanta, Meschia di Roccafluvione, Forca di Montegallo, Tronzano di Mozzano e Forcella.

Per avere informazioni dettagliate sul programma e sulle attività degli eventi consultare la pagina dedicata http://www.emidioditreviri.org/scuola-5/ oppure inviare una mail all’indirizzo emidioditreviri@gmail.com.


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.