ASCOLI PICENO -L ’Ascoli Calcio 1898 FC S.p.A. comunica di aver rinnovato il contratto con Michele Collocolo fino al 30 giugno 2025.

“Un riconoscimento meritato per il ventiduenne centrocampista tarantino, arrivato in bianconero nella s.s. 2021/22 per cimentarsi per la prima volta in Serie B. Con la maglia del Picchio ha finora all’attivo 46 presenze, 5 gol e 4 assist. A Michele, che fa del sacrificio, dell’umiltà e della dedizione i suoi punti di forza, l’augurio del Club per una carriera sempre più prestigiosa.”

Nella sezione “Video esclusivi” della web TV dell’Ascoli, c’è un approfondimento sull’attaccante bianconero Cedric Gondo, che si racconta a 360° ai tifosi del Picchio.

Il “gondoliere” dell’Ascoli ha parlato della sua famiglia, della compagna Chiara, ragazza di Mestre e del loro bimbo, Gabriele, nato a Venezia, prossima tappa di campionato dell’Ascoli.

Gondo racconta la sua infanzia, i primi sette anni in Costa D’Avorio, la guerra civile, l’arrivo in Italia, nel trevigiano. “I miei fratelli giocavano tutti a calcio e mia madre mi stava indirizzando verso il basket, ma per la pallacanestro non ero molto dotato anche se la passione un po’ mi è rimasta. I miei amici giocavano a calcio e così ho iniziato nell’Aurora Treviso. Dopo due anni, mi hanno visto le grandi squadre, su tutte la Fiorentina. Firenze è stata l’esperienza più bella che un giovane può avere, mi ha dato tanto a livello umano e come calciatore”.

In una passeggiata per le vie del centro storico l’attaccante ha parlato del suo rapporto con la religione “Vengo spesso in chiesa, al Duomo, sono cristiano-cattolico e devo tutto a mia madre che mi ha inculcato tanti insegnamenti, non mi ha mai obbligato a credere, è una cosa che viene da dentro”.

Sulle preferenze alimentari: Ho provato le olive ascolane un mese fa e sono rimasto molto soddisfatto, non me le aspettavo così buone e ogni tanto faccio uno strappo alla regola, sono deliziose”.

 


Copyright © 2023 Riviera Oggi, riproduzione riservata.