ASCOLI PICENO – Cresce la richiesta di sostegno ai redditi familiari, diminuisce l’età media di chi ha bisogno di un aiuto per i bisogni primari della propria vita e della propria famiglia. E’ questo il quadro del Piceno che emerge dall’analisi che la Cna di Ascoli ha effettuato monitorando i primi nove mesi di attività dei propri sportelli dell’Area sociale, ovvero Epasa, Caf e Cna Pensionati.

“Un disagio economico e sociale – spiega Anna Rita Pignoloni, direttrice del Patronato Epasa della Cna Picena – che per noi si traduce nel numero e nella tipologia di pratiche che l’utenza ci richiede. Oltre a questo come Cna pensionati continuiamo a prodigarci sul territorio per l’integrazione a pieno titolo degli anziani nella società. Fra le ultime cose da segnalare il corso organizzato con la Croce Rossa di Ascoli per aiutare i nonni a prendersi meglio cura dei propri nipoti”.

Ed eccoli i dati. Raddoppiate, ovvero da 240 del 2015 a 400 le richieste dei nuclei familiari che, avendo un reddito inferiore a 8mila Euro si sono rivolti in Cna nel 2016 per le domande relative ai vari bonus previsti da Governo, Regione e comuni. E di questi richiedenti nel 2015, 30 hanno dichiarato di essere disoccupati. Nel 2016 i richiedenti disoccupati sono invece saliti a 110.

“Sono dati drammatici – precisa Giuseppe Brutti, presidente provinciale di Cna Pensionati – che contengono al loro interno un altro dato molto preoccupante e che nel 2017 noi come Cna e tutti coloro che operano nell’area del sociale dovranno  valutare con grande attenzione e affrontare con determinazione. Non dimentichiamo infatti che nel nostro territorio oltre il 50 per cento delle spese per la cura di persone con difficoltà, anziani e no, è a quasi completo carico delle famiglie”. Il dato cui fa riferimento il presidente regionale di Cna Pensionati è relativo all’età di chi chiede interventi di sostegno al proprio reddito.

Sempre in base alle pratiche espletate negli uffici della Cna provinciale di Ascoli e San Benedetto, da gennaio a ottobre 2016, rispetto allo stesso periodo del 2015, l’età media dei richiedenti di pratiche di sostegno (utenze domestiche, libri di testo, rette asili) si è drammaticamente abbassata. Nel 2015 62 richiedenti su  100 risultavano con anno di nascita precedente al 1960. Nel 2016  la proporzione si è quasi totalmente ribaltata: il 34 per cento dei richiedenti è risultato avere più di 54 anni, il 66 per cento meno. E con l’ingresso che era invece in percentuale irrisoria negli anni precedenti di una nuova categoria a rischio povertà: uno su tre richiedenti ha infatti meno di 35 anni, con uno o più figli a carico e monoreddito. Ovvero con un solo genitore occupato o in quanto genitore single.

Richieste sempre più articolate e diffuse che arrivano all’area sociale della Cna di Ascoli che ha appena rinnovato i propri organismi di rappresentanza. Confermato come presidente provinciale Giuseppe Brutti, e il suo vice Enrico Ciaffardoni, fanno altresì parte del direttivo: Italo Brandimarti, Alvaro Cafini, Mauro Vigiani, Luigina Sorbi, Giuliano Carosi, Domenico De Simone, Luciano Costantini, Giuseppe Lattanzi, Roberto Olivieri, Dino Coccia, Federico Scarpa.

“Anziani e famiglie giovani – conclude Francesco Balloni, direttore della Cna di Ascoli Piceno – condividono, dalle analisi fatte dai nostri operatori che sono al contatto con il pubblico, problematiche sempre più simili. Questo è lo specchio di una crisi sempre più grave e diffusa ma anche un segnale preciso per noi per proseguire in un’azione di sostegno al reddito dei nuclei più svantaggiati. Ancor di più in questo momento delicatissimo per il Piceno, visti i tragici fatti legati al terremoto”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 106 volte, 1 oggi)