ASCOLI PICENO – Il Gruppo Comunale diventa associazione.

Il Magnifico Messere, il Consiglio degli Anziani e l’Ufficio Quintana, hanno gettato le basi per questa piccola ma importante riforma nel mondo Quintana.

Il tutto è derivato dalla consapevolezza che l’attuale struttura non sia in grado di  rispondere adeguatamente alle esigenze organizzative, gestionali ed amministrative, emerse dopo l’internalizzazione della Quintana all’interno del Comune di Ascoli.
Il primo incontro dell’assemblea Costituente,  avverrà il 31 maggio alle ore 21 al Palazzo dei Capitani.

In questa sede il Coreografo, come coordinatore ad interim del Gruppo Comunale, soggetto super partes, in quanto incompatibile con le future cariche di presidente e consigliere del costituendo Direttivo, coordinerà la creazione di un “Comitato Costituente” composto da 5 membri, che elaborerà la bozza dello Statuto del Gruppo Comunale, da sottoporre nuovamente al Consiglio degli Anziani e dall’Ufficio Quintana, per l’approvazione definitiva.

La prima elezione del Direttivo  del Gruppo comunale, avverrà entro il 2017. Il gruppo comunale annovera al suo interno abiti di grandissimo valore,  per i materiali utilizzati e per i modelli che li hanno ispirati, anche grazie al Costumista dell’Ente Paolo Lazzarotti, infatti il Gruppo Comunale può essere considerato  una Pinacoteca che prende vita.

Per questo  è necessario tutelarne e arricchirne il patrimonio attraverso  un vero e proprio direttivo, organizzatore.

E’ evidente che il Gruppo Comunale è un elemento fondamentale del corteo. E’ il segmento del corteggio in cuoi sono inseriti i personaggi più illustri come il Magnifico  Messere, il Banditore, il Rettore, il Capitano del Popolo, il Coreografo, il Mossiere e altri personaggi meravigliosi.

Il passo Quintana non sarebbe così suggestivo ed emozionante se non fosse scandito dagli instancabili tamburini giallo rossi e dalle  squillanti chiarine comunali.

Le sue bellissime guardie nere e  il suo gruppo armigeri così orgoglioso e fiero, è ineguagliabile.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 71 volte, 1 oggi)