ASCOLI PICENO – È stato celebrato il 23 giugno ad Ascoli Piceno, presso la nuova sede del Comando Provinciale di Palazzo Catenacci, il 243° anniversario della fondazione del Corpo della Guardia di Finanza.

La cerimonia, svoltasi in una cornice di sobrietà alla presenza del Comandante Provinciale – Col. Massimo Patrizio Paoluzi –  e degli Ufficiali delle province di Ascoli Piceno e di Fermo, ha avuto inizio con la lettura del messaggio del Presidente della Repubblica e dell’Ordine del giorno del Comandante Generale del Corpo – Generale di Corpo d’Armata Giorgio Toschi – ed è culminata con la consegna delle ricompense di carattere morale ai militari che si sono particolarmente distinti in importanti operazioni di servizio.

Il Col. Massimo Patrizio Paoluzi ha quindi tracciato il bilancio dell’attività condotta nei primi cinque mesi dell’anno 2017, nel solco delle linee d’azione strategiche centralmente stabilite, volte, in particolare, a rafforzare l’azione di contrasto alle fenomenologie illecite più gravi ed insidiose e ad incrementare contestualmente sempre più la qualità degli interventi ispettivi soprattutto sul versante dell’aggressione ai patrimoni frutto di attività illecite.

In particolare, nella lotta all’evasione e all’elusione fiscale sono state concluse 37 verifiche e 50 controlli nel settore delle imposte sui redditi e dell’IVA, che hanno determinato la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 32 soggetti in relazione alle diversificate violazioni di carattere penale contemplate dalla normativa tributaria, per un recupero a tassazione di materia imponibile pari a circa 68 milioni di euro.

Inoltre nel comparto del sommerso da lavoro sono stati scoperti 6 lavoratori in nero e verbalizzati 4 datori di lavoro per utilizzo di manodopera in nero, mentre nel settore di controllo economico del territorio sono stati effettuati:

  • 1.041 controlli in materia di rilascio dello scontrino e ricevuta fiscale
  • 26 controlli nei confronti di esercizi che pur in possesso di apparecchi radio-televisivi non avevano ottemperato al pagamento del canone RAI
  • 381 controlli sulla circolazione delle merci e dei prodotti sottoposti ad accise
  • 43 controlli in itinere finalizzati ad accertare l’effettiva capacità contributiva, attraverso la raccolta di dati ed elementi idonei a sviluppare mirati interventi ispettivi.

Nel comparto delle attività a tutela del monopolio del gioco e delle scommesse sono stati effettuati 2 interventi e verbalizzate 6 persone

Per quanto riguarda il comparto del contrasto al finanziamento al terrorismo sono stati effettuati 33 controlli nei confronti di esercizi cd. Money transfer nei quali sono state identificate 64 persone con la denuncia a piede libero di 5 persone.

Sul fronte delle Prestazioni Sociali Agevolate sono stati effettuati 23 interventi di cui 6 irregolari

Per quanto riguarda l’attività inerente al “Mercato dei capitali“, sono stati eseguiti  11 interventi che hanno comportato la denuncia all’Autorità Giudiziaria di 17 persone così distinti:

  • Riciclaggio

7 interventi con la denuncia a piede libero di 4 persone in relazione ad un sequestro di euro 2.000;

  • Reati fallimentari

3 interventi per un valore distrattivo di beni accertato di euro 3.041.725 e la denuncia di 12 persone.

  • Reati bancari

Un intervento con la denuncia a piede di una persona.

Nel settore della Sicurezza di circolazione dell’euro e degli altri mezzi di pagamento sono stati effettuati  8 interventi con la denuncia a piede libero di 3 persone, l’arresto di una persona e il sequestro di euro 14.710.

Le attività di servizio intraprese nell’ambito del contrasto ai traffici illeciti delle sostanze stupefacenti hanno determinato il sequestro di 760 grammi di stupefacenti (284 gr. di cocaina, 303 gr. di hashish e di marijuana e 121 gr. di eroina), la verbalizzazione di 63 persone, delle quali 6 in stato di arresto, 9 denunciate a piede libero e 38 segnalate alle Autorità Prefettizie.

Sempre di stringente attualità poi l’impegno dei Reparti dipendenti del Comando Provinciale dedicato alle attività di contrasto alla contraffazione, ai prodotti non sicuri e al commercio abusivo, che ha portato al sequestro di 58.874 articoli vari con la conseguente denuncia di 13 persone.

In questo senso non possono non evidenziarsi i molteplici effetti negativi provocati dalla fenomenologia in parola in termini di danni per le imprese legali e per lo Stato e di pericolo per il consumatore finale connesso alla sicurezza intrinseca dei prodotti.

Un deciso impulso è stato inoltre conferito alla particolare e sempre più attuale fenomenologia del gioco d’azzardo ed irregolare, con l’esecuzione di specifiche attività di controllo nei confronti di soggetti che gestiscono esercizi di apparecchi e congegni da divertimento e intrattenimento.

Da ultimo, ma non per ultimo, è doveroso rimarcare l’impegno profuso da tutto il personale del Comando Provinciale di Ascoli Piceno, e dei Reparti dipendenti, nell’immediato soccorso alle popolazioni terremotate in occasione del sisma che ha purtroppo coinvolto in maniera significativa l’entroterra ascolano e fermano a partire dal mese di agosto 2016. In particolare, dall’inizio degli eventi sismici il Comando Provinciale ha disposto l’impiego di 54 finanzieri a supporto nei Centri di Coordinamento Soccorsi a disposizione della Protezione Civile e 141 finanzieri per un totale di 784 pattuglie impegnate in servizi di “Antisciacallaggio”, tuttora attivi, al fine di prevenzione ed eventuale repressione di furti nelle abitazioni rese inagibili dal terremoto.

(Letto 185 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 185 volte, 1 oggi)