ASCOLI PICENO – “Il cantiere della riforma della pubblica amministrazione, nota come legge Madia, nasce con e per i territori”.

Queste le parole di Angelo Rughetti, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alla pubblica amministrazione, ad Ascoli per la firma del protocollo tra il Comune ed appunto la presidenza del consiglio dopo che il capoluogo piceno è stato selezionato come comune pilota, insieme ad altri 15 in tutta Italia, per il progetto denominato ”RiformAttiva” finalizzato ad offrire servizi di assistenta specifici e sostegni attivi alle amministrazioni locali.

“Ogni virgola ed ogni riga contenute in queste norme– aggiunge Rughetti- è il frutto di una collaborazione fissa con i comuni, le province e le regioni con il consenso della conferenza unificata, il luogo dove tutti i livelli di Governo si ritrovano, senza tralasciare il supporto del consiglio di Stato e delle commissioni parlamentari”.

Da oggi si passa alla fase operativa dell’importante progetto. “Questo è il momento che noi abbiamo chiamato terzo tempo– prosegue il sottosegretario-, tutti insieme dobbiamo lavorare per far sì che gli strumenti che abbiamo condiviso diventino opportunità concrete. Il Comune di Ascoli, ad esempio, ha scelto di impegnarsi nell’implementazione delle norme che riguardano la semplificazione con la nuova conferenza dei servizi, il silenzio-assenso fra amministrazioni, la standardizzazione della modulistica amministrativa e la nuova disciplina sull’autotutela”.

Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio ha inoltre evidenziato il “piacere di poter firmare oggi il protocollo qui ad Ascoli– dice ancora Rughetti- e farlo con Guido Castelli visto che l’ho conosciuto da sindaco quando io ero direttore generale dell’Anci. Spero che per la comunità di Ascoli questa sia un’occasione per potersi avvantaggiare delle riforme approvate nel corso della legislatura”.

Nel suo intervento il primo cittadino Guido Castelli ha precisato come questa convenzione consentirà al Comune di Ascoli di beneficiare di consulenze estremamente specializzate messe a disposizione della presidenza del Consiglio in vista dell’attuazione della riforma della pubblica amministrazione Madia.

“La città di Ascoli– sottolinea Castelli– è stato individuata tra 15 enti pubblici che saranno destinatari di questa sperimentazione. Per noi- evidenzia- è motivo di orgoglio ma anche un’occasione molto utile e preziosa. Il nostro Comune si appresta a dover gestire ben 26 milioni di euro frutto dei due finanziamenti sulla rigenerazione urbana che richiederanno una batteria amministrativa estremamente abile. Grazie a tali attività di sostegno e di supporto– chiosa il sindaco- potremmo quindi affrontare questa complessa ma entusiasmante vicenda con più serenità e capacità amministrativa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 52 volte, 1 oggi)