CASTELSANTANGELO SUL NERA – “Con questo caldo si trasformano in forni crematori, se vuole la faccio entrare per sentire come si sta”.

Queste le testimonianze, raccolte dall’Ansa, delle persone che vivono nelle roulotte a quasi un anno dal terremoto che ha distrutto Castelsantangelo sul Nera (Macerata), nel cuore dei monti Sibillini.

“Ci avevano promesso che le casette sarebbero arrivate in primavera, invece siamo quasi alla fine dell’estate e viviamo ancora qui accampati e i nervi stanno cedendo” le parole riportate dall’Ansa. Le persone hanno rifiutato i container collettivi nell’attesa delle Sae, che non sono ancora arrivate.

“Il primo lotto nella frazione di Gualdo lo consegneremo a fine agosto – le parole del sindaco Mauro Falcucci all’Ansa -, spero che per ottobre anche le casette di Castelsantangelo saranno realizzate, di certo tutte dovranno essere pronte prima dell’inverno, se così non dovesse essere sarebbe una sconfitta di tutti”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 225 volte, 4 oggi)