SAN SEVERINO MARCHE – “Oggi, nel dramma del terremoto, si è aperta la possibilità di fare del centro Italia il laboratorio della messa in sicurezza dell’intero Paese. Non dobbiamo farci sfuggire questa occasione, occorre accantonare i campanilismi, lavorare in squadra, lasciare da parte le polemiche e costruire relazioni per realizzare progetti, per creare nuove opportunità di vita e di lavoro”.

Queste sono le parole, riportate dall’Ansa, del presidente del Consiglio regionale delle Marche Antonio Mastrovincenzo durante il primo appuntamento, a San Severino Marche, di #marcheuropa, una serie di seminari formativi per giovani amministratori, che quest’anno si occupa anche del sisma.

“Non si poteva non tener conto della drammatica novità del terremoto che ha investito la comunità regionale. I cinque appuntamenti nelle aree interne offriranno un contributo di riflessione sul futuro di più di un terzo del territorio regionale, 87 comuni, circa 370 mila abitanti – afferma Mastrovincenzo nel lanciare poi due proposte – in tempi celeri una banca dati sugli effetti del sisma in tutta l’area del cratere e l’insediamento di un tavolo nazionale in cui le università e i centri studi territoriali e nazionali possano offrire proposte per nuovi sentieri di sviluppo”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 55 volte, 1 oggi)