ASCOLI PICENO – Nella giornata del 16 ottobre il sindaco di Ascoli Piceno, Guido Castelli, ha annunciato gli oltre cinque milioni di euro in arrivo tramite la polizza terremoto stipulata con Balcia Insurance.

“Esempio di buona amministrazione” ha commentato il primo cittadino.

Non si è fatta attendere la replica del Pd di Ascoli. “Bravo con i giri di parole ma poi quest’ultime si differenziano dalla realtà. Degli 8 milioni annunciati in pompa magna da Castelli a pochi giorni dal sisma (‘gli otto milioni totali di cui potremo disporre credo che saranno più che sufficienti a riparare i danni materiali del sisma’) insieme alla città prendiamo atto che ben quasi 3 milioni si sono persi per strada” ha affermato il capogruppo Francesco Ameli.

“Il sindaco di Ascoli ha agito come dovrebbe fare qualsiasi amministratore e purtroppo non c’è nulla di straordinario, e spiace la speculazione di consenso anche su questo tema – aggiunge Ameli –  Dal nostro canto pensiamo che Castelli debba dimostrare lungimiranza impiegando il risarcimento assicurativo per la sicurezza degli edifici pubblici ed in particolare delle scuole anziché usare tali somme per clientelismo pre elettorali di bassa lega come avvenuto in passato”.

Il capogruppo del Pd ascolano afferma: “Una cosa è certa: se non ci fosse l’intervento statale a copertura degli oltre 100 milioni di danni in città sugli edifici pubblici, ora ci ritroveremmo con una vera e propria beffa”.

(Letto 181 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 181 volte, 1 oggi)