ASCOLI PICENO – Nella nottata tra il 25 e 26 ottobre sono stati posti dei cuscini “insanguinati” davanti alla Prefettura di Ascoli Piceno.

Questa è stata la protesta di Forza Nuova in merito alla 13enne ascolana che ha denunciato di aver subito violenza sessuale da due migranti ospiti in una struttura dell’ascolano nella serata del 20 ottobre. I due sono in carcere a Marino del Tronto.

“Siete tutti colpevoli – recita un comunicato del movimento –  La complicità morale della politica non deve passare in secondo piano in questa tragedia, una barbarie frutto dell’accoglienza senza limiti che grida giustizia: la falsa solidarietà di governo e amministrazioni protegge le loro sporche coscienze ed i loro affetti ma porta sul patibolo tutti gli altri italiani, che non possono godere delle posizioni dei potenti privilegiati”.

Gli esponenti di Forza Nuova affermano: “Proteggere il popolo è un dovere dello Stato e vista la sua complicità in questo stato di cose, saremo noi a farlo: saremo infatti presenti, nei prossimi giorni, con i nostri militanti, nelle piazze della città per sensibilizzare ed informare gli ascolani su quanto sta accadendo”.

(Letto 1.044 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.044 volte, 1 oggi)