ASCOLI PICENO – Nonostante la collocazione sfavorevole sono ben 340 mila gli italiani che hanno scelto quest’anno l’agriturismo in occasione della festività di Ognissanti.

E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che si tratta di una destinazione spinta dalle condizioni climatiche favorevoli per un appuntamento in cui 7 milioni di italiani hanno deciso di mettersi in viaggio.

“Ad essere apprezzata è soprattutto l’attività di ristorazione ma – sottolinea la Coldiretti –  sono in molti quelli che scelgono di fare un break in campagna alla ricerca dei frutti dell’autunno, dai funghi alle castagne ma anche per assistere alla raccolta delle olive o all’attività di vendemmia che sta per terminare. Se la buona tavola è una delle ragioni principali per scegliere uno degli oltre 22mila agriturismi italiani, ad attrarre i vacanzieri è anche la ricca offerta di attività all’aria aperta che – sottolinea la Coldiretti – va dalle fattorie didattiche per i piu’ piccoli all’equitazione, tiro con l’arco, trekking, in quasi la metà non mancano attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici”.

“Molto interesse infatti – continua la Coldiretti – riscuotono tra i buongustai le tradizionali sagre d’autunno per scoprire tradizioni gastronomiche locali attraverso piatti tipici a base di queste specialità. Il canale più utilizzato per la ricerca dell’agriturismo continua ad essere internet su siti come www.campagnamica.it ma resta forte il passaparola. Le previsioni per la Festa di tutti i Santi – conclude la Coldiretti – confermano l’andamento positivo dell’agriturismo che fa registrare nel 2017 un aumento dell’8% le presenze dopo che lo scorso anno avevano già raggiunto 12,1 milioni nelle 22.661 aziende agricole autorizzate”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 52 volte, 1 oggi)