ASCOLI PICENO – Quest’anno la giornata della Memoria assume anche un particolare valore a ottant’anni di distanza dalla promulgazione delle leggi razziali fasciste contro le persone “di razza ebraica”, che portarono alla feroce discriminazione degli ebrei italiani e, per molti di loro, alla morte nei campi di sterminio nazisti. Le persone deportate per motivi razziali dall’Italia furono circa 7.500: ne sopravvissero solo 826.

La Provincia di Ascoli Piceno, insignita della Medaglia d’oro al valor militare per attività partigiana, ha inteso celebrare questa importante ricorrenza rivolgendosi in primo luogo alle giovani generazioni affinché, fatta memoria di tutte le atrocità compiute nel passato, possano farsi portatrici nel futuro dei valori di solidarietà, pace, tolleranza. Pertanto sono state donate ai dirigenti scolastici degli Istituti superiori del territorio provinciale alcune copie del “Il Diario di Anna Frank”, invitandoli a comunicarne il significato alle classi.

“Abbiamo pensato a questa semplice iniziativa – sottolineano il Presidente della Provincia Paolo D’Erasmo e la Vice Presidente Valentina Bellini – per favorire un momento di riflessione dei nostri studenti riguardo l’assurdità di un dramma che coinvolse molti loro coetanei innocenti e che comportò una tragedia epocale di indicibile portata”

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 63 volte, 1 oggi)