ASCOLI PICENO – Missione compiuta per l’Ascoli Picchio: dopo il pareggio a reti bianche in Liguria arriva un altro 0-0 con l’Entella che permette la permanenza in serie B ai bianconeri in virtù del miglior piazzamento in campionato.

Il presidente del club bianconero Francesco Bellini: “Ringrazio giocatori, tifosi e la mia famiglia, ci abbiamo sempre creduto, sono contento. Oggi, come contro il Brescia, grande pubblico. Ai ragazzi negli spogliatoi ho detto che sono rimasto per loro; con gli infortunati di oggi potevamo fare un’altra squadra, è stata un’annata sfortunata. Non credo che l’Entella meritasse la serie C ma la serie B è un enigma. Se non trovo le persone giuste rimango qui, l’anno prossimo ci saranno dei piccoli cambiamenti, porteremo diversi giovani in prima squadra”.

Il patron prosegue: “Nello sport i soldi non garantiscono la vittoria, guardate ad esempio il Bari che ha speso tantissimo; bisogna fare le cose onestamente, penso al Foggia e quella storia dei soldi di dubbia provenienza. L’anno prossimo il grosso problema sarà lo stadio, questo non sarà a norma e probabilmente quando ci iscriveremo indicheremo il campo di un’altra città“.

Bellini aggiunge: “C’era un deficit di 5 milioni che ho coperto io, le perdite saranno comunque coperte dalla cessione di Favilli. La squadra c’è, per l’anno prossimo dovremo fare qualche aggiustamento. Addae? Probabile che vada via, ha delle offerte molto buone per lui. I dirigenti? Devo pensarci ma hanno un altro di contratto e di solito io li rispetto”.

Mister Serse Cosmi, infastidito da alcune domande giunte dai giornalisti sul suo futuro ad Ascoli mentre parlava il Patron, ha abbandonato la sala stampa senza rilasciare dichiarazioni.

I calciatori bianconeri festeggiano la salvezza mentre il Presidente parla con i giornalisti


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.