ASCOLI PICENO – E’ stato presentato oggi 13 giugno, in una conferenza stampa nel comune di Ascoli, il Trofeo Nazionale Giovanile di tiro con l’arcoPinocchio”, riservato ai ragazzi dai 9 ai 12 anni ed

in programma sabato 16 e domenica 17 nel capoluogo piceno.

L’assessore Massimiliano Brugni: “E’ un evento molto importante che porterà ad Ascoli circa 250 ragazzi provenienti da tutta Italia, un evento che aiuta a far conoscere la nostra città. I ragazzi saranno inoltre accompagnati, con una ricaduta importante per la città; sabato ci sarà la sfilata nel centro storico e domenica la gara al “Del Duca”. Il tutto rientra in una strategia che tende a valorizzare il centro storico. Un ringraziamento speciale va a Raimondo Cipollini per tutto quello che ha fatto per la città insieme alla sua federazione; il tiro con l’arco è una disciplina che dà lustro alla nostra nazione, avere i migliori giovani è per noi un onore”.

Armando De Vincentis, delegato provinciale CONI: “La federazione punta molto su questa manifestazione perché genera ricambio. La città è da sempre disponibile a questi eventi. Il tiro con l’arco è una disciplina che regala lustro in un momento difficile per lo sport italiano, a partire dal calcio con la nostra nazionale assenti ai prossimi imminenti Mondiali; ci sono difficoltà a trovare tecnici nelle diverse discipline, manca un ricambio generazionale. La nostra è una delle federazioni più sane in Italia, è bello vedere giovani che emergono”.

Raimondo Cipollini, presidente Arcieri Piceni: “Questa è per la Fitarco la manifestazione giovanile più importante, per arrivare qui c’è una lunga trafila che passa dai campionati provinciali e da quelli regionali. Gli arcieri Olimpionici Michele Frangilli e Marco Galiazzo hanno iniziato da questa manifestazione. Siamo al quarto evento in cinque anni organizzato ad Ascoli, speriamo che quest’anno il tempo sia clemente e ci conceda un po’ di sole. Siamo contenti di avere il sostegno dell’amministrazione comunale, saranno presenti 300 persone tra ragazzi e tecnici più i famigliari: è stato un grande impegno riuscire a collocarli tutti. Ho una squadra eccezionale che si è sempre comportata alla perfezione, sono sicuro sarà così anche questa volta”.

Stefano Tombesi, dirigente nazionale Fitarco: “Porto il saluto del presidente, del vicepresidente (che saranno presenti all’evento) e di tutto il consiglio. Ho conosciuto Ascoli tramite Raimondo, è nata subito una sinergia: vediamo entrambi lo sport come veicolo del turismo. L’amministrazione è sempre stata presente, come detto è infatti il quarto evento in cinque anni organizzato ad Ascoli. La federazione crede molto nei giovani, da qui escono i futuri campioni. Ricordo che saremo in diretta streaming sul nostro canale Youtube (https://www.youtube.com/user/FitarcoItalia) la manifestazione sarà seguita a livello nazionale e non solo; la gara sarà inoltre visibile in replica su Rai Sport nei giorni seguenti. Siamo uno sport di nicchia ma ci teniamo a portare avanti valori importanti, i valori dello sport e dell’amicizia”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 148 volte, 3 oggi)