ASCOLI PICENO – Arriva all’ultimo giro di lancetta il primo punto stagionale dell’Ascoli quando ormai sembrava che i 3 punti prendessero la direzione di Cosenza; finisce 1-1 il match, calabresi  in vantaggio al 18′ del primo tempo con Maniero, di Brosco al 95′ il sigillo ascolano.

Il tecnico bianconero Vincenzo Vivarini: “Ogni partita ha la sua storia, la prestazione della squadra è stata buona, l’abbiamo ripresa alla fine ma la gara l’abbiamo fatta noi. Il campo era in uno stato che rendeva difficile far girare palla e fare la manovra. Siamo stati anche sfortunati in alcuni episodi, il Cosenza è passato in vantaggio alla prima occasione. Il nostro tipo di gioco e di calciatori prevede un bel campo, a destra siamo stati forse meno precisi nei cross, eravamo un po’ lenti nella manovra ma ci sta alla prima di campionato”.

“Gli avversari hanno fatto una partita molto accorta – prosegue Vivarini – chiudendo tutti gli spazi. Il risultato? Credo che se avessimo segnato prima noi sarebbe andata diversamente. Quaranta? Sono molto soddisfatto, si è preso anche responsabilità di giocare palla in velocità, credo ci sarà utile nella stagione. Ancora non ci sono le idee chiare su alcuni movimenti d’attacco, dobbiamo dare più continuità alle nostre azioni, l’Ascoli deve abituarsi ad essere molto offensivo. Ardemagni? Ha dimostrato in settimana di volere la partita con impegno e determinazione. C’era Nesta in tribuna? Anch’io ho visto la loro gara, credo a Perugia sarà una bella partita”

Il mister del Cosenza Piero Braglia: “Fa male prendere il gol come l’abbiamo preso, in mischia, si poteva evitare di prenderlo. Abbiamo avuto qualche occasione per chiuderla ma anche loro per pareggiarla, alla fine credo che il pareggio sia un risultato giusto. L’anno scorso eravamo più bravi nella gestione del contropiede, comunque era la prima partita e ci sta di non essere stati perfetti”.

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.