ASCOLI PICENO – Con la fine dell’anno i Carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli Piceno tracciano un bilancio sulle attività svolte in questo 2018, bilancio assolutamente positivo vista la riduzione complessiva dei delitti di circa il 12% rispetto al già positivo 2017.

Il territorio provinciale, caratterizzato da una crescente presenza turistica, ha visto l’Arma dei Carabinieri fortemente impegnata a garantire la sicurezza dei cittadini attraverso un sistema capillare di controllo del territorio con servizi spesso ad alto impatto, soprattutto nelle ore notturne ed in prossimità dei luoghi maggiormente frequentati dagli anziani, notoriamente vittime più vulnerabili, e dai giovani al fine di prevenire l’uso smodato di alcool o stupefacenti.

La costante attività dei Carabinieri ha consentito, nel corso degli oltre 28mila servizi preventivi svolti nel 2018, di controllare ben 132mila persone e più di 98mila mezzi. Nell’anno sono state arrestate oltre 260 persone, di cui circa 80 stranieri, mentre sono stati deferiti all’Autorità Giudiziaria oltre 1200 soggetti.

L’azione quotidiana delle 23 Stazione Carabinieri presenti in tutti i comuni della provincia ha consentito una rilevante riduzione dei reati predatori che destano maggior allarme sociale; in particolare i furti sono calati del 14,4%, mentre i furti in abitazione del 24,6%. Le rapine sono diminuite del 56,3% e le truffe del 12,3%.

Nell’ambito della lotta agli stupefacenti sono state tratte in arresto una sessantina di persone, con oltre 200 persone denunciate o segnalate alle Prefetture; 228 i chilogrammi complessivi di sostanze stupefacenti sequestrati durante l’anno.

L’impegno quotidiano di tutti i carabinieri del Comando Provinciale di Ascoli ha consentito di dare risposta a più di 91mila richieste effettuate al 112, numero unico di emergenza europeo. In aggiunta alla contrazione dei reati predatori, l’azione repressiva è risultata particolarmente efficace con l’esecuzione di numerose di servizio sul territorio tra le quali le operazioni “Orange” e “Green” che hanno portato all’arresto di 11 persone, consentendo di smantellare due sodalizi criminali dediti al traffico di stupefacenti, e l’operazione “Kuga”, conclusa ad ottobre con l’esecuzione di 15 misure cautelari per associazione a delinquere finalizzata ai furti d’auto su più regioni d’Italia.

“E’ stato fatto un grosso lavoro tutti i giorni – il commento del Comandante Provinciale, il Tenente Colonnello Ciro Niglio, affiancato dai Capitani della Compagnia di Ascoli e San Benedetto, Cristiano Barboni e Marco Vanni – l’obiettivo per il prossimo anno è di ridurre ancora i delitti. Fondamentale è la collaborazione dei cittadini che invito a chiamare il 112 e di denunciare ogni tipo di violenza o sopruso subito, noi saremo sempre pronti alle esigenze delle persone, l’importante è denunciare sempre e subito”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.