ARQUATA DEL TRONTO – “La visita del sottosegretario Vito Crimi ad Arquata del Tronto, questa mattina, sembra avere i presupposti per un ascolto attento dei nostri reali problemi” il commento di Michele Franchi, vicesindaco arquatano, riguardo l’incontro odierno.

“Oggi il senatore Crimi e il commissario per la ricostruzione Piero Farabollini sono venuti ad Arquata. Con il sindaco Aleandro Petrucci hanno constatato le condizioni in cui versa il territorio arquatano e poi visitato lo stabilimento Tod’s, a Pescara” spiega Franchi. Successivamente a Pretare, c’è stato l’incontro con i sindaci del cratere Ascolano e Fermano. “Scriveremo insieme le modifiche da applicare alle ordinanze e decreti fatti sinora” ha commentato Vito Crimi.

Il sindaco Petrucci ha ribadito la necessità del comune di Arquata e dei comuni più colpiti di una maggiore accuratezza da parte delle Istituzioni.

“Crimi ha ascoltato tutti i sindaci che hanno esternato le varie problematiche – continua Franchi – il nostro sindaco Petrucci ha concretamente elencato i bisogni di Arquata del Tronto: differenziazione del cratere; snellire le pratiche burocratiche; accelerare la rimozione delle macerie; finanziare i piani di recupero; maggiore presenza del commissario”.

“L’are più colpita, senza voler fare una guerra tra poveri, esige un’attenzione diversa – conclude il vicesindaco Franchi – il sottosegretario con la delega alla Ricostruzione post-sisma – si è mostrato interessato, ha ascoltato con attenzione e ci ha promesso che ci convocherà di nuovo a breve. Anche il commissario Farabollini ha garantito di essere maggiormente costante e presente nei nostri territori. Speriamo che, nel decreto che si occupa delle problematiche dell’area etnea, possano introdurre alcune ordinanze che abbiamo chiesto. Crimi ha ascoltato anche associazioni  e imprenditori, quindi auspichiamo che arrivi il tanto agognato cambio di passo per cominciare una seria ricostruzione dei nostri paesi”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 642 volte)