CASTIGNANO – Sabato 9 febbraio, presso la Sala Convegni in Contrada San Venanzo 77 a Castignano, si svolgerà l’Assemblea Ordinaria che ratificherà la modifica dei componenti del Consiglio di Amministrazione della Banca del Piceno, così come stabilito dal nuovo statuto tipo delle Banche di Credito Cooperativo che hanno aderito al Gruppo Bancario Iccrea.

Variata anche la composizione della vicedirezione che vede ora la presenza di due vicedirettori: il Vicedirettore Generale Vicario Francesco Merletti ed il Vicedirettore Generale Maurizio Maurizi.

“Lo scorso dieci gennaio – ha dichiarato il Presidente della Banca del Piceno Aldo Mattioli – insieme al Vicepresidente Vicario Mariano Cesari  ed al Direttore Generale Franco Leone Salicona, abbiamo partecipato a Roma all’Assemblea Straordinaria di Iccrea Banca che ha approvato il nuovo statuto. Il Gruppo Iccrea Banca sarà la prima “Banca Locale del Paese”, il terzo gruppo in Italia per sportelli ed il quarto per attivi. In questo contesto,  nell’ambito delle centoquarantadue banche aderenti, la Banca del Piceno per patrimonio, raccolta e impieghi è la ventisettesima”.

Le banche che hanno aderito al Gruppo Bancario Iccrea e con le quali la stessa Iccrea a gennaio ha firmato il Contratto di Coesione, hanno conferito al Gruppo più di 4 milioni di clienti, 2.650 sportelli presenti in 1.738 comuni italiani, un attivo di circa 150 miliardi, un patrimonio netto di 11,5 miliardi, 4,2 milioni di clienti di cui 750mila Soci.

“La nostra Assemblea del 16 dicembre – sottolinea infine il Presidente della Banca del Piceno Aldo Mattioli – ha segnato la fase finale del processo di riforma del Credito Cooperativo ed allo stesso tempo è l’inizio di una svolta epocale. Insieme ad altre 142 banche di Credito Cooperativo abbiamo aderito al Gruppo ICCREA. La sfida che ci attende è quella di restare la banca del territorio e della comunità: per questo motivo, l’assetto societario della Banca del Piceno non cambia. Le regole del Gruppo, invece, saranno quelle di vigilare sulla sana e prudente gestione della banca, affinché continui anche in futuro quanto fatto per il territorio, che ora ha una struttura commerciale composta da 31 filiali situate tra le Marche e l’Abruzzo e per competenza opera da Civitanova Marche a Giulianova”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 202 volte)