OFFIDA – “10 anni di passione” è il titolo dell’incontro dei rappresentanti dell’amministrazione Lucciarini con la cittadinanza, che avrà luogo giovedì 11 aprile presso il Teatro Serpente Aureo. “Presentiamo la serata con emozione, soddisfazione e un pizzico di malinconia – introduce l’assessore al turismo Piero Antimiani – Vogliamo che sia una serata che possa non solo testimoniare il lavoro svolto dall’amministrazione Lucciarini, ma anche ripercorrerla con emozione, brio, dinamicità, competenza e passione. La gente avrà modo di rivivere quello che Offida è stata in questi dieci anni e di entusiasmarsi per quello che Offida è e continuerà ad essere”.

Abbiamo fatto del turismo, dello sport e della cultura dei tratti distintivi – prosegue Antimiani – e farlo nel 2009, anno di difficoltà, sarebbe stato problematico. A volte sembrava che investissimo in settori piuttosto che in altri, ma non abbiamo mai fatto tagli sul sociale, anzi lo abbiamo migliorato”.

La soddisfazione per essere arrivati “A destinazione”, come si diceva in campagna elettorale, arriva dai rappresentanti del gruppo “Offida, solidarietà e democrazia”. Primo fra i quali l’assessore al bilancio, Roberto D’Angelo: “Questa unione e sintonia in questo cammino costante di crescita è la nostra forza. Per quanto riguarda il bilancio, noi ci siamo insediati nel periodo peggiore dal dopoguerra. Con la crisi economica, lo stato centrale ha tentato di fare cassa sugli enti locali, cambiandone il sistema contabile. Quindi la nostra amministrazione si è contraddistinta in questa fase di cambio di gestione, in cui bisognava costituire un bilancio nuovo e diverso”.

“Abbiamo iniziato a lavorare sulla ricerca di fondi dal ministero, dalla regione e dall’Unione Europea – continua D’Angelo – Queste opportunità che abbiamo colto ci hanno permesso la realizzazione del programma. Quando ci siamo presentati non avevamo la certezza economica per le opere proposte, ma ce l’abbiamo fatta. Abbiamo fatto una straordinaria amministrazione: il bilancio in teoria si doveva impoverire, ma in realtà, la sommatoria da 5/6 milioni è arrivata a 26 milioni di euro”.

L’assessore alle politiche giovanili Alessandro Straccia, aggiunge: “Ricordo con simpatia quando salii per la prima volta sul palco emozionato e da lì è stato un percorso formativo grazie soprattutto al sindaco ma anche alla squadra. Su cultura e politiche giovanili ho dato sempre il massimo. È stato fatto un grande lavoro caratterizzato da discussioni costruttive, anche con l’opposizione. Sono stati migliorati regolamenti e ne sono stati fatti di nuovi, come quello per il settore agroalimentare, enogastronomico e artigianale per la promozione del territorio offidano”.

La parola “squadra” è la più ricorrente negli interventi degli assessori, così come tutti hanno posto l’accento sulla grande responsabilizzazione che il sindaco ha dato ciascuno di loro. E proprio sull’importanza della coesione del gruppo ribatte l’assessore Claudio Sibillini, che pone l’accento su quanto l’unione si è vista soprattutto nei momenti di difficoltà, aggiungendo: “Il sindaco è stato un regista eccellente. Credo che in questi dieci anni sia stata scritta una pagina straordinaria, indelebile e per certi versi irripetibile della storia politica e di governo della città e risultati sono visibili a tutti”.

Interviene poi il vicesindaco Isabella Bosano: “Questa è stata la prima esperienza amministrativa: da un lato non è stato facile, ero spaventata, ma dall’altro proprio la squadra mi ha dato quella forza e quello stimolo, soprattutto grazie al sindaco che mi ha accompagnato in questi cinque anni, lasciandomi però tanto spazio. Sono cresciuta tanto, anche attraverso un corso di formazione rivolto agli amministatori che mi ha dato la possibilità di parlare di Offida ai nuovi corsisti. Questi anni si possono riassumere con queste parole: passione, innovazione, determinazione, dinamicità, organizzazione. Tutto ciò ha condotto Offida a diventare un fiore all’occhiello dal punto di vista regionale, nazionale ma anche internazionale”.

“Adesso pecco di presunzione – aggiunge Antimiani – Per noi ogni anno è stata una sfida, quindi abbiamo vinto per dieci anni, più della Juve. Organizziamo questa serata con lo stesso entusiasmo con cui siamo partiti”.

 


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.