ASCOLI PICENO – Per circa venti anni due dipendenti del Comune di Ascoli Piceno avevano richiesto invano di essere inquadrati in modo corretto in ottemperanza alle classificazioni professionali previste dal Dpr 347/1983 e dal Ccnl Regioni e Autonomie Locali del 31 marzo 1999.

Ora con due sentenze del 19 dicembre 2019 la Sezione Lavoro del Tribunale di Ascoli Piceno ha accertato l’errato inquadramento dei due dipendenti, difesi dallo studio legale Alleva-Sabbatini, e conseguentemente condannato lo stesso ente al pagamento delle relative differenze retributive maturate da circa venti anni per una somma complessiva superiore ai 100 mila euro oltre interessi, rivalutazione e spese legali.

“La vittoria è stata frutto di circa quattro anni di causa e si è fondata su questioni giuridiche, risultanze istruttorie e consulenze tecniche contabili che hanno reso evidente non soltanto il buon diritto dei ricorrenti ma anche il grave danno economico da loro subito” fanno sapere dallo studio legale.

 


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.