ARQUATA DEL TRONTO – Tornare a casa. Questo significa per i dipendenti marchigiani di Unimer l’inaugurazione del nuovo stabilimento di Arquata del Tronto, che si è svolta mercoledì 22 luglio alla presenza della Proprietà, del sindaco di Arquata del Tronto, Aleandro Petrucci, del presidente della Regione Marche, Luca Ceriscioli, del commissario straordinario per la Ricostruzione, Giovanni Legnini, e del ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli.

Era il 24 agosto 2016 quando la forte scossa di terremoto rese inagibile lo stabilimento e costrinse l’azienda, realtà italiana di primo piano nella produzione di fertilizzanti a valenza ecologica, a bloccare l’attività del polo produttivo, da oltre trent’anni conosciuto e inserito nel tessuto economico e sociale della provincia di Ascoli Piceno.

Rialzarsi e scrivere un nuovo finale è stato il primo pensiero per la famiglia Di Majo, alla guida di Unimer dal 1969, con una visione imprenditoriale sempre lungimirante, orientata alla sostenibilità a tutto campo. In quest’ottica Unimer ha pensato subito a salvaguardare i posti di lavoro dei 22 dipendenti marchigiani, mantenendoli all’interno della propria realtà industriale e trasferendoli a rotazione presso l’altro polo produttivo di Vidor, nel Trevigiano. L’azienda è riuscita così a superare il periodo di emergenza post sismica continuando a mantenere i propri standard produttivi e a lavorare per la crescita, disegnando, in parallelo, i contorni di un’importante ricostruzione.

“È una giornata speciale per tutto il cratere del sisma – ha detto Roberto Di Majo, Presidente Unimer -. Far ripartire lo stabilimento in tempi record, nello stesso luogo in cui è stato operativo per tanti anni, è per noi una promessa mantenuta. Un risultato che è stato possibile grazie alla grande, inesauribile collaborazione che si è generata tra le parti pubbliche e private che hanno contribuito alla sua realizzazione”.

“Uno stabilimento che produce fertilizzanti per un’agricoltura migliore, in linea con il sentimento comune della gente – ha aggiunto Alessandro Di Majo, Amministratore Delegato Unimer -. Un grazie di cuore al team Unimer e alle Istituzioni per lo straordinario lavoro fatto”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.