AGGIORNAMENTO ORE 17.45

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che purtroppo nelle ultime 24 ore si sono verificati sei decessi e che di altre cinque persone, decedute nei giorni scorsi, è stata definitivamente accertata la diagnosi di Covid. Le persone decedute comunicate oggi sono pertanto 11, tutte con pregresse patologie.

Un decesso all’ospedale di Ascoli (un 86enne di Folignano) e uno nel nosocomio di San Benedetto (80enne di Castel di Lama).

Qui la scheda completa Arancio 19112020 ore 18

AGGIORNAMENTO ORE 15

Importante dato appena comunicato dal Servizio Sanità Marche relativo al numero dei ricoverati negli ospedali e nelle strutture regionali per Covid-19. Per la prima volta dallo scorso 12 ottobre si registra una diminuzione in termini assoluti del numero dei ricoverati: erano 606 mercoledì 18, sono 604 quest’oggi, giovedì 19 novembre.

Già ieri vi era stato proprio due giorni fa un primo rallentamento della crescita, abbastanza costante nelle ultime settimane (anche se l’incremento più alto vi è stato tra la fine di ottobre e i primissimi giorni di novembre), quando il numero complessivo era salito soltanto di 3 unità.

A questo si aggiunge che dallo scorso 7 novembre i dati riguardanti i ricoverati più gravi, ovvero i malati in terapia intensiva e semi-intensiva, sono praticamente stabili, oscillando complessivamente tra 210 e 224 unità.

Una giornata che potrebbe essere dunque importante, ma se sarà un punto di svolta o meno dipenderà da cosa accadrà nei prossimi giorni e nell’attenzione che tutti i marchigiani porranno rispetto ai propri comportamenti individuali.

Per la precisione, oggi i ricoveri in terapia intensiva sono 78 (-1), in semi-intensiva 139 (+3), i ricoveri non intensivi 387 (-4, mai accaduto).

NOTA BENE COME LEGGERE IL GRAFICO: Fino allo scorso 13 novembre la Regione Marche aveva contabilizzato coloro che si trovano nei pronto soccorso come “ricoverati non intensivi”, salvo chiarire dal 14 di non poterli considerare ancora come tali. Dunque il numero dei ricoverati è sceso di circa un centinaio di unità da quel giorno, falsando la grafica della statistica, ma non alterando il contenuto del presente commento.

AGGIORNAMENTO ORE 9

Il Servizio Sanità della Regione Marche ha comunicato che nelle ultime 24 ore sono stati testati 3795 tamponi: 2213 nel percorso nuove diagnosi e 1582 nel percorso guariti.

I positivi sono 667 nel percorso nuove diagnosi (152 in provincia di Macerata, 213 in provincia di Ancona, 168 in provincia di Pesaro-Urbino, 78 in provincia di Fermo, 51 in provincia di Ascoli Piceno e 5 da fuori regione).

Dopo la “discesa” degli ultimi giorni, sale nuovamente il numero dei positivi accertati che però sembra sempre più un dato in variabile quasi diretta e costante rispetto al numero dei tamponi analizzati. Se ieri i positivi erano 479, il tasso di positività dei tamponi sul totale superava il 26%; oggi sono 667 con un tasso di tamponi positivi che supera invece il 30%. Numeri troppo alti per pensare ad una riduzione della circolazione del virus, o comunque non così affidabili per dare indicazioni certe. Diverso il discorso sui ricoveri Covid nella Regione Marche: qui osserviamo che i ricoverati in terapia intensiva e semi-intensiva sono stabili da oltre 10 giorni mentre ieri vi è stato anche un minor aumento, rispetto al solito nel numero di ricoverati meno gravi.

Questi casi comprendono soggetti sintomatici (110 casi rilevati), contatti in setting domestico (156 casi rilevati), contatti stretti di casi positivi (208 casi rilevati), contatti in setting lavorativo (27 casi rilevati), contatti in ambienti di vita/socialità (16 casi rilevati), contatti in setting assistenziale (5 casi rilevati), contatti in setting scolastico/formativo (11 casi rilevati), screening percorso sanitario (8 casi rilevati) e 1 rientro dall’estero. Per altri 125 casi si stanno ancora effettuando le indagini epidemiologiche.

 

Qui articolo di ieri con tutti gli approfondimenti:

Coronavirus, undici decessi nelle Marche: due a San Benedetto, tre ad Ascoli Piceno


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.