APPIGNANO DEL TRONTO – L’onda Covid-19 sulla sanità del Piceno. Di questo tema, e delle sue implicazioni nella vita quotidiana dei cittadini oltre che nell’organizzazione sanitaria, si è parlato nell’incontro “Dialoghi sulla Resilienza”, dal progetto “Ruritage” che vede impegnato il Comune di Appignano del Tronto assieme ad altri 38 soggetti (capofila è l’università di Bologna). Il progetto è finanziato dal programma europeo Horizon 2020.

Protagonista del primo incontro, la dottoressa Giovanna Picciotti, direttore del Distretto Sanitario di Ascoli Piceno (fino al 2014 di quello di San Benedetto) e medico specialista in Pediatria. Tema dell’incontro, “La resilienza al Covid-19 nel Piceno“.

Durante l’incontro svolto in modalità remota, coordinato dal giornalista Pier Paolo Flammini e alla presenza del sindaco di Appignano Sara Moreschini, sono stati affrontati i temi relativi all’impatto del Covid-19 sull’organizzazione del sistema sanitario piceno, sulla campagna vaccinale in corso e sui cambiamenti intercorsi ad esempio negli accessi alla diagnostica specialistica.

Interessanti le riflessioni sul vaccino Astrazeneca, di cui si è parlato molto nei giorni scorsi, e sui problemi relativi alla riduzione degli accessi alle diagnosi per timore di recarsi nelle strutture sanitarie e incorrere nel rischio contagi.

Per visualizzare il dialogo, clicca qui

 


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.