ASCOLI PICENO – Fino al 3 settembre ad Ascoli Piceno va in scena la Festa della Scuola, un evento culturale organizzato dall’associazione “La Parola che non muore”, in collaborazione con “La Voce della Scuola”. Si tratta di un evento ricco di appuntamenti e di spunti di riflessione, cui prenderanno parte docenti, studenti, famiglie, gruppi di coordinamento e associazioni di categoria, sindacati, giornalisti e rappresentanti della politica e la cui partecipazione è aperta a tutti. Un’ occasione per confrontarsi e progettare la scuola di domani, partendo dai problemi del presente e lavorando insieme per la ricostruzione di un nuovo e più efficiente sistema scolastico.

Ecco il programma di giovedì 2 settembre

Palazzo dei Capitani del Popolo, Sala della Ragione

Per una nuova scuola “costituzionale”. Proposte e strategie 

Ore 15.00 Salvatore Iannone e Giuseppe Pellegrino, La scuola a misura di apprendente: la Consulta provinciale degli studenti

Ore 15.30 Scuola, università, informazione. Tavola rotonda. Roberta Balzotti (Giulia Giornaliste), Felice Manti (“Il Giornale”), Laura Margottini (“Il Fatto Quotidiano”), GABRIELE SANTORO (“Il Messaggero”)

Modera Massimo Arcangeli

Ore 16.30 Doriana D’Elia (presidente CNDI), Ylenia Franco (vicepresidente CNDI) e Margherita Stimolo (presidente VOOG), Lavoro o famiglia? Docenti “immobilizzati” e “abilitati e vincolati”

La neonata associazione Vincolati di Ogni Ordine e Grado (VOOG) lotta insieme ai colleghi di ogni ordine e grado, senza distinzioni di alcun genere, contro la legge dei vincoli. Contro ogni vincolo, poiché tutti i docenti hanno il diritto di riunirsi alle proprie famiglie; madri e padri, mariti, mogli e figli devono poter stare vicini ai propri cari e scegliere la scuola in cui lavorare. I docenti di ogni ordine e grado forniscono un contributo importante anche perché ciascuno abbia le stesse opportunità e sia seguito lungo il suo percorso per raggiungere i propri obiettivi. Una caratteristica importante dell’associazione è infine la sinergia tra gli educatori per compattare il “corpo docente”, per unirlo al suo interno contro la frammentazione. Per raggiungere obiettivi comuni e produrre cambiamenti importanti bisogna operare uniti; solo così è possibile ottenere risultati visibili. I docenti immobilizzati, rappresentati dal CNDI (Coordinamento Nazionale Docenti Immobilizzati), sono tutti quei docenti la cui sede di titolarità è fuori della provincia di residenza o che, per motivi oggettivi, hanno l’esigenza di dover cambiare provincia di titolarità. Il senso dell’immobilizzazione è dovuto principalmente all’abbattimento del 75% delle disponibilità per la mobilità interprovinciale, ma ben altre criticità ruotano intorno allo status del docente immobilizzato: il ricorso reiterato alle precedenze nelle procedure di mobilità territoriale, in alcuni casi totalizzante; i controlli non adeguati sul possesso dei titoli; organici scarni nell’organico di diritto ma abbondanti nell’organico di fatto; la continua riduzione oraria dell’offerta formativa; ricognizioni incomplete delle cattedre per le procedure di mobilità annuale; le disponibilità rese note dopo la convalida della mobilità; l’erogazione superflua di titoli di specializzazione in territori saturi. Sono solo alcune delle criticità lamentate dai docenti immobilizzati, la cui battaglia opera per il riconoscimento di diritti che sono alla base del funzionamento ottimale della scuola. Percorsi più chiari e ottimali per la mobilità costituiscono percorsi chiari per le famiglie e per gli alunni che necessitano di accompagnamento lineare per il pieno sviluppo delle potenzialità di tutti; a cominciare dai più fragili, che non sono soltanto gli alunni e le loro famiglie ma anche gli insegnanti che, da anni, non ottengono risposte in termini di certezza e di rispetto.

Ore 16.45 Celestino Tartaro, Insegnare da precario

Storie di insegnanti precari in trincea, che continuano a lavorare con gli studenti più fragili o bisognosi senza chiedere niente, oltre la scadenza contrattuale, dopo la chiusura dell’anno scolastico.

Ore 17.15 Carla Sambrotta, Sapere, saper fare, saper essere

La scuola non fornisce occasioni per sviluppare quella che Daniel Goleman chiama intelligenza emotiva. Gli studenti sono monadi, destinati a non incontrarsi mai: studiano da soli; non gli vengono assegnati lavori di gruppo; le lezioni sono quasi tutte frontali; il solo rapporto previsto è tra il docente e il singolo allievo. Troppe discipline, troppi compiti. Le proposte: implementare l’intelligenza emotiva con gruppi di lavoro e laboratori (sulle tecniche narrative, sugli strumenti musicali, sulla cucina, sulla cinematografia, ecc.); garantire l’alternanza scuola-lavoro con stage legati alle attività di laboratorio; prevedere un certo numero di discipline di base per tutti, alle quali affiancarne altre a scelta (Musica, Storia e critica del cinema, Educazione alimentare, ecc.); eliminare i compiti nella scuola primaria e ridurli nella scuola secondaria di primo e secondo grado.

Ore 17.45 Anna Angelucci, La classe come “comunità ermeneutica”. Il dialogo sul testo e l’educazione al mondo

Una classe può ancora configurarsi come una comunità ermeneutica, vale a dire come una comunità democratica (che non è una communitydigitale, in cui, oggi più che mai, sembra davvero urgente recuperare forme in presenza di collettività perduta) che, attraverso l’esercizio dialogico del confronto, anche tra posizioni molto diverse o antagoniste, si allena all’assunzione di una responsabilità etica e civile, da agire nella scuola e nel mondo. Se, a ben guardare, la crisi della scuola ha in larga parte coinciso con la crisi dell’insegnamento della letteratura – testimoniata quantitativamente dalla riduzione diffusa delle ore di italiano in tutti gli ordini e gradi, e qualitativamente dalla rimessa in causa dello statuto epistemologico della disciplina –, allora non forse è inopportuno provare a ripartire da una prospettiva formativa particolare e generale: nella classe come comunità ermeneutica la dimensione educativa dell’interpretazione critica e dialogica della letteratura e del testo, nel suo darsi simbolicamente come possibilità espressiva soggettiva, consente di recuperare la funzione educativa della scuola nel suo farsimaterialmente luogo di quella possibilità.

Ore 18.15 Sara Cencetti, A. Valeria Saura, L’Accademia della Crusca per la scuola. Strumenti per la didattica dell’italiano: dizionari e risorse in rete

L’intervento è diviso in due parti: nella prima ci si soffermerà sui principali tipi di dizionari a disposizione degli insegnanti, nella seconda sulle risorse in rete per l’aggiornamento della didattica dell’italiano. Il ricorso al dizionario (cartaceo o digitale) si rivela estremamente efficace, dal punto di vista didattico, per approfondire la competenza lessicale, a scuola e durante tutto l’arco della vita.  La rassegna partirà dai dizionari sincronici (o dell’uso) e dai dizionari storici per approdare al DOP (Dizionario d’Ortografia e di Pronunzia), e ai repertori etimologici, e ai dizionari analogici o concettuali, e quindi concludersi, nell’anno di Dante, col Vocabolario dantesco. Quanto alle risorse virtuali, il discorso si avvierà dal servizio di Consulenza linguistica dell’Accademia della Crusca e proseguirà con l’illustrazione del sito www.cruscascuola.it(interamente rivolto al mondo della scuola), che offre, tra l’altro, le videoregistrazioni delle lezioni magistrali tenute presso l’Accademia su temi di interesse per l’insegnamento della lingua italiana e i materiali didattici prodotti dagli accademici e dai docenti che seguono le iniziative formative della Crusca.

Ore 18.45 Guido Castelli, assessore alla Ricostruzione della Regione Marche, e Stefano Babini, direttore Ufficio Speciale Ricostruzione Marche, Scuola e ricostruzione post-sisma

Pausa cena

Teatro Ventidio Basso

Classici e moderni. Lingua, musica, letteratura  

Ore 21.00 Ivano Dionigi, Segui il tuo demone. A tu per tu con i classici

Ore 21.30 Francesco Sabatini, Plurilinguismo e centralità della lingua 1

Ore 22.00 Ernesto Assante, Non sono solo canzonette. La musica “leggera” sul tema della scuola


Copyright © 2021 Riviera Oggi, riproduzione riservata.