OFFIDA – Il Teatro Serpente Aureo di Offida ha fatto da sfondo alla coinvolgente lectio magistralis sulle emozioni del professor Umberto Galimberti.

Il filosofo, accademico, psicanalista e giornalista de “La Repubblica” durante l’incontro ha parlato della sua ultima opera edita da Feltrinelli, “Il libro delle emozioni”, addentrandosi in un mondo da alcuni elogiato, da altri temuto.

Sotto lo sguardo attendo del pubblico, Galimberti ha citato, tra gli altri, i filosofi Platone e Aristotele, lo psicanalista Sigmund Freud e il pubblicitario Frédéric Beigbeder, autore del libro “euro 13,89”.

“Freud dice che in amore l’io non è padrone a casa propria, perché scambia le sue passioni con le sue scelte. Quando ti innamori, non scegli, sei preso dentro. Ecco perché si parla di passioni, l’io è passivo, non ce la fa, non governa. Amore non è una faccenda dell’io e quindi si entra in un’emozione più significativa, quella che fa più disastri, ma anche più vita, perché le emozioni sono sempre ambivalenti”.

L’evento è stato organizzato dall’associazione “I luoghi della scrittura” di Mimmo Minuto e dall’Unione dei Comuni della Vallata del Tronto, ente capofila dell’Ambito Territoriale Sociale 23.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.