ASCOLI PICENO – Volgere lo sguardo oltre il Pupun Festival, verso un’economia del futuro che comprenda comunità e borghi. È questo il focus del convegno di chiusura “Comunità, Territorio, Visione. Dalla rigenerazione dei borghi alla rigenerazione della comunità: oltre il Pupun Festival” in programma sabato 25 giugno alle ore 10 presso la Bottega del Terzo Settore ad Ascoli Piceno, nell’ambito di “Pupun Festival – Filiere Futuro Festival del Piceno”. Il progetto, lo ricordiamo, è stato selezionato tra 643 partecipanti dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura come primo in Italia tra gli 8 vincitori dell’avviso pubblico “Borghi in Festival. Comunità, cultura, impresa per la rigenerazione dei territori”. 

Il convegno, a cura di Fondazione Carisap, sarà aperto dai saluti del sindaco di Ascoli Piceno Marco Fioravanti, del Presidente del Bim Tronto Luigi Contisciani, del Presidente della Fondazione Carisap Mario Tassi e dell’Assessore al Terremoto e al Bilancio della Regione Marche Guido Castelli. Seguiranno le relazioni di Roberto Paoletti, presidente della Bottega del Terzo Settore, Marco Giovagnoli, Sociologo economico e del territorio dell’università degli studi di Camerino, Alessandra Panzini, CEO di Marchingegno, Lorenzo Bandiera, Responsabile comunicazione e relazioni esterne di percorsi di secondo welfare, Giulio Stumpo, economista esperto di internazionalizzazione delle imprese culturali. Le conclusioni saranno affidate a Josep Ejarque, presidente Ftourism & Marketing.

Il convegno vuole essere un’occasione di riflessione conclusiva sul lungo e articolato percorso compiuto da un festival di comunità che, nel corso di quasi un anno, ha saputo costruire reti, senso di appartenenza e visione tra territori montani, piccoli borghi del sud delle Marche e memorie comunitarie di saper fare. Un laboratorio di comunità declinato in forma spettacolare e performativa che ha mirato alla costruzione di un’identità culturale condivisa capace di trasformarsi in nuova economia e maggiore valorizzazione dei luoghi.

L’iniziativa progettuale vede come Capofila il Comune di Comunanza, in rete con altri sei comuni del Piceno: Acquasanta Terme, Castignano, Montegallo, Palmiano, Roccafluvione e Rotella. Il fondamentale supporto di Bim Tronto si unisce a una compagine di partenariato importante: Fondazione Carisap, Symbola, UNICAM, FORM, Associazione M.A.C. – Manifestazioni Artistiche Contemporanee, Appennino Up, Bottega del Terzo Settore, Esco BIM, Opera e Casa Asterione. Il progetto vale 327mila euro, di cui 250mila finanziati dal Ministero e 77mila dal Bim Tronto, Fondazione Carisap ed Esco BIM. 


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.