ASCOLI PICENO – Puntuale, anche quest’anno l’operazione “Natale sicuro”. Le Fiamme Gialle del capoluogo ascolano hanno prefisso come obiettivo di garantire alla collettività gli standard qualitativi della sicurezza dei prodotti posti in vendita. Il primo risultato è stato compiuto a Monte Urano (FM) dove a un’imprenditrice cinese, di 43 anni, titolare di una rivendita di generi di diversa natura (molti non conformi per la vendita al pubblico), sono state rilevate numerose irregolarità amministrative e penali che hanno riguardato la contraffazione e la sicurezza dei prodotti e delle frodi alimentari. La donna è stata denunciata per introduzione e commercio nello Stato di prodotti con segni falsi.

I militari hanno trovato e sequestrato 16 mila articoli (lampadine, pastelli, giocattoli, orologi e componenti informatici) non conformi o privi del marchio Ce, 525 matite e pennarelli di noti marchi contraffatti, 148 chili tra dentifrici e alimenti (carne, pesce, salse, pasta, frutta secca, tofu, spezie) e oltre 9 litri tra olio, aceto, succhi di frutta in parte scaduti e in cattivo stato di conservazione. Inoltre senza etichettature con indicazioni in lingua italiana.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 266 volte, 1 oggi)