ASCOLI PICENO –  Sabato 29 il Centro storico si trasforma nell’Atene Classica con “Il filo di Sophia“, una giornata dedicata alla filosofia ma non solo.

Sono previsti due programmi paralleli con filosofi come Cesare Catà, studiosi dell’arte come Luigi Morganti e il famoso Umberto Galimberti chiuderà la giornata. La giornata inizierà alle 18 per terminare in serata.

Il vicesindaco Donatella Ferretti: “ricreiamo un Agorà che coinvolgerà il pubblico. I locali del centro offriranno aperitivo a tema per soddisfare anche il palato. Volevo ringraziare i consiglieri Antonini e Balestra che hanno contribuito fattivamente all’iniziativa”.

Interviene anche il sindaco Castelli che ricorda che “se andrà bene, si replicherà il prossimo anno, La nostra idea è coprire tutti i gusti del pubblico. In questo programma c’è molto di attuale, dal tema dell’accoglienza a quello dell’amore. Con questo evento cerchiamo di coinvolgere molto i commercianti. Vorremmo creare un collegamento tra il giardino comunale e quello di Palazzo Roverella (sede vescovile). Ne stiamo parlando con la Sovrintendenza”

La consigliera comunale, Laura Balestra sottolinea “l’alta qualità del programma con Galimberti come vero e proprio fiore all’occhiello. La serata filosofica verterà sui temi classici greci e romani. Un’idea sulla quale si sta lavorando è quella di veicolare Ascoli ad altre città luogo di eventi filosofici, come il Filofest di Amandola. Sarebbe un’ottima cosa per la città”

Soddisfazione anche da parte di Andrea Antonini che ribadisce “la bontà dell’idea culturale per il rilancio del territorio”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 308 volte, 1 oggi)