ARQUATA DEL TRONTO – Il presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani si è recato, insieme al capo della Protezione Civile Fabrizio Curcio, nella mattinata del 20 febbraio anche a Pescara del Tronto, paese profondamente colpito dal sisma del 24 agosto.

“La priorità per Arquata del Tronto e gli altri centri devastati dal terremoto è quella di far ripartire le attività economiche locali”, ha detto Tajani dopo essersi informato della situazione con gli amministratori locali confermando che l’Europa stanzierà fondi per le aree terremotate del Centro Italia per circa 2 miliardi di euro (1 miliardo dal fondo di solidarietà per le catastrofi naturali).

Presenti anche i primi cittadini di Ascoli, Guido Castelli, e Arquata, Aleandro Petrucci.

Castelli ha affermato: “La presenza di Antonio Tajani è importante perché garantisce a tutti i sindaci dei territori colpiti dal sisma la certezza di avere un punto di riferimento. E’ un momento in cui le cose non stanno andando come dovrebbero – ha detto il sindaco ascolano – per quanto riguarda la rapidità e la qualità della ricostruzione. I territori si sentono un tantino trascurati da procedure troppo complesse. Avere qui il presidente del Parlamento europeo è fondamentale per orientare il nostro sguardo e avere, se necessario, anche sostegno”.

Il primo cittadino ha poi nuovamente sollevato la questione dello sviluppo dei paesi colpiti dal sisma: “E’ vero che abbiamo la necessità di ricostruire, consolidare e riqualificare, ma dobbiamo anche frenare il fenomeno dello spopolamento”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 101 volte, 1 oggi)