ANCONA – Dopo le scosse, una bomba: ovviamente figurativa, ma l’audio del Commissario Straordinario per la Ricostruzione, Vasco Errani, pubblicato da Panorama (clicca qui) rappresenta davvero uno spartiacque nella (non) ricostruzione seguente al terremoto. Parole, quelle di Errani, pronunciate in una riunione coi sindaci, ad Ancona lo scorso 15 febbraio, alla presenza del presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli.

Dichiarazioni che in qualche modo confermano i nostri dubbi anche riguardo le parole pronunciate dal responsabile dell’Ufficio per la Ricostruzione delle Marche, Cesare Spuri (leggi qui “Il terremoto dell’austerità”  e qui intervista a Spuri: “La Regione Marche acquisterà appartamenti. Casette in ritardo? Ci vuole tempo“).

Di seguito il testo dell’audio pubblicato da Panorama.

“E perché da questo punto di vista rischiamo di fare solo caos, e contro caos. Bisogna darsi una governance totalmente differente, che è un punto all’ordine del giorno di questa riunione perché forse andava messo al primo punto, giustamente. Perché non c’è dubbio che abbiamo avuto quattro terremoti, la dimensione è stratosferica, tutto ciò, tuttavia, che è vero, e che è fondamentale, non risolve il fatto che non riusciamo ad andare avanti su alcune cose.

Macerie, stalle, casette: questa non è ricostruzione, non è ricostruzione. Questa è la gestione dell’emergenza.

Bisogna cambiare. Cambiare. E bisogna dare e fare un’altra governance, sennò non ce la faremo. Non mi interessano le polemiche sui giornali e tutto il resto, non mi interessa niente. Ma non esiste il fatto che per cominciare a fare le casette, che non è ciò che devo fare io, si attenda di avere il fabbisogno definitivo di tutte le casette. Non esiste che per fare le stalle bisogna metterci tutto questo tempo, non esiste.

Ora, nel decreto, ci sono alcune cose che rispondono anche a questo problema. Anche i sindaci possono diventare stazione appaltante per il provvisorio, per le casette, per il commercio. Ma bisogna darsi un’organizzazione, e a livello provinciale, e nelle unioni montane. Decidiamo, decidetelo. A me va bene a, b e c: l’importante è che sia efficace ed efficiente.

L’importante è che tutte le volte che da adesso in avanti va fatta un’ordinanza, prima si riesca in questi luoghi a parlarne. Non sto dando la colpa a nessuno, qui ragazzi sto dicendo che c’è un problema, sto… qui ragazzi non giochiamo a ping pong. Qui bisogna che ci diamo un’organizzazione, s’era deciso a Civitanova Marche noi l’abbiamo fatta, sennò non riusciamo a rispondere ai problemi.

Avevate detto che erano riunioni montane, perché non esiste la centralizzazione della ricostruzione, si ricostruisce solo nel territorio. Tutto l’impianto, e adesso vorrei che parlasse anche la Protezione Civile e anche il Presidente della Regione, tutto l’impianto non è centralizzato, già da ora non è centralizzato, non è centralizzato.

Non è che ci fossero dei chiarimenti da questo punto di vista, dobbiamo darci dei luoghi dove in un gruppo si riesce a discutere e a risolvere i problemi, questa è l’unica soluzione che abbiamo per andare oltre a questo livello di discussione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.824 volte, 1 oggi)