ASCOLI PICENO – Il presidente della giunta regionale delle Marche Luca Ceriscioli ha scritto una lettera a tutti i sindaci dei Comuni del cratere chiedendo di proporre iniziative da finanziare attraverso gli sms solidali.

Il primo cittadino di Ascoli Piceno Guido Castelli ha subito voluto esporre la propria posizione con una lettera inviata oggi a Ceriscioli. “Ascoli non procederà all’ invio di alcuna proposta progettuale– scrive Castelli- per ottenere il finanziamento derivante dalle donazioni pervenute attraverso gli sms solidali. E questo– prosegue Castelli- non perché non si ravveda la necessità di risorse aggiuntive, utili al sanare le molte ferite che la città ha subito per effetto del terremoto, ma perché siamo convinti che il gettito degli sms solidali vada destinato ai Comuni maggiormente devastati e ridotti in macerie”.

Castelli sostiene che ci siano priorità oggettiva a cui destinare la raccolta fondi. “Chi ha donato voleva e vuole aiutare, inequivocabilmente, quella porzione del territorio del cratere– scrive ancora nella lettera Castelli- in cui si sono contati i morti o che sono stati interessati da esodi massivi a causa delle lacerazioni prodotte dalla sequenza sismica. Auspico- chiosa Castelli- che la Regione Marche condivida questa impostazione e voglia agire di conseguenza”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 152 volte, 1 oggi)