ASCOLI PICENO – L’Azienda Sanitaria Unica Regionale delle Marche ha istituito una task force di specialisti per gli interventi di assistenza e riabilitazione per i titolari di status di rifugiato che hanno subito torture, stupri ed altre forme di violenza, recependo le Linee guida del Ministero della Salute. L’iniziativa, che ha carattere sperimentale, durerà dodici mesi.

Obiettivo del percorso – fa sapere l’Asur – è tutelare chi richiede protezione internazionale in condizioni di particolare vulnerabilità, in qualunque fase del suo percorso di riconoscimento della protezione e ovunque sia ospitato, creando le condizioni perché possa effettivamente accedere all’assistenza sanitaria e riabilitativa in modo che la sua condizione possa essere tutelata in modo adeguato“.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 90 volte, 1 oggi)