ASCOLI PICENO – Fillea Cgil, Feneal Uil, Filca Cisl le tre organizzazioni sindacali della categoria costruzioni a dicembre scorso hanno presentato all’Ance, associazione della categoria edilizia di Confindustria la piattaforma per il rinnovo del contratto integrativo scaduto da anni per le province di Ascoli Piceno e Fermo e a tutt’oggi non si è avuto alcun riscontro per iniziare una discussione che porti alla definizione del contratto integrativo territoriale, rivolto al miglioramento delle condizioni di lavoro per i lavoratori e alle regole condivise con le imprese.

Il contratto integrativo territoriale è strumento fondamentale per creare le giuste premesse per la ricostruzione nel “cantiere più grande d’Europa”, così come viene definita l’area del cratere: la sicurezza sul lavoro per i lavoratori, la qualità delle costruzione, la (sempre più) efficiente gestione degli Enti bilaterali, la qualificazione della manodopera ed il tema della trasparenza e della legalità negli appalti sono le tematiche principali individuate dalle organizzazioni sindacali per affrontare con slancio una sfida territoriale che deve vedere un impegno responsabile da parte delle organizzazioni maggiormente rappresentative dei lavoratori e delle imprese.

Per questo motivo Fillea Cgil, Feneal Uil e Filca Cisl sollecitano l’Ance ad iniziare al più presto la discussione sul contratto integrativo, anche alla luce dell’accordo sulle relazioni industriali sottoscritto con Confindustria lo scorso 9 marzo che considera il livello territoriale, elemento qualificante della contrattazione.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 31 volte, 1 oggi)