ASCOLI PICENO – C’è grande attesa in città per il match di ritorno fra Ascoli e Virtus Entella, sfida playout che decreterà il futuro del Picchio, serie B o serie C. Tutto si deciderà giovedì sera alle 20.30 l’inizio della gara in un Del Duca gremito. Aperta la curva nord per i sostenitori bianconeri che già hanno raggiunto solo in questo settore le 3.280 unità.

I tifosi sono pronti a spingere l’Ascoli verso la salvezza, i giocatori dovranno dimostrare di meritare la categoria sicuramente facendo qualcosa di più di quanto dimostrato nel match di andata terminata 0 a 0 . E’ vero il pareggio vale oro perchè ora l’Ascoli con un altro pareggio sarebbe salva, ma si sa il pallone è rotondo e Icardi e De Luca subentrati negli ultimi venti minuti del match di andata hanno dato filo da torcere alla difesa del Picchio.

Tornato in gruppo dopo un lungo stop anche Martinho,  i bianconeri nella giornata di ieri si sono allenati sulla forza con possessi e partite. Lavoro differenziato per Cherubin e Favilli. Terapie per Buzzegoli e Carpani.

L’ex Ascoli Picchio, Leonardo Gatto intervistato dal Levante de Il Secolo XIX: “Dobbiamo essere consapevoli che le prestazioni ci sono, continuare così e andare ad Ascoli a giocarcela fino alla morte, mettendo in campo tutto quello che abbiamo ancora dentro. C’è il precedente di Novara che ci deve spronare, dobbiamo essere solidi e aver la capacità di sfruttare momenti e occasioni”.

Copyright © 2018 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 238 volte, 1 oggi)