ASCOLI PICENO – Dopo due anni di trattativa, due scioperi generali, la perdita di oltre 600mila lavoratori e circa 120mila imprese negli ultimi dieci anni nel settore dell’edilizia,  è stato raggiunto l’accordo del contratto nazionale sottoscritto da Fillea – Cgil, Filca – Cisl, Feneal – Uil con Ance e Coop.

Un traguardo importante che vede coinvolti più di un milione di lavoratori nel paese e circa 10 mila addetti iscritti alla Cassa edile di Ascoli Piceno e Fermo.

Le organizzazioni Sindacali sottolineano l’importanza dell’accordo sull’aumento salariale pari a 55 euro per l’operaio comune (che diventano 71,50 euro per l’operaio specializzato) ed un ulteriore aumento di 2 euro (che diventano 2,6 euro per operaio terzo livello) del contributo obbligatorio per la previdenza complementare (Fondo Prevedi), un aumento totalmente a carico delle imprese per le aliquote per sanità integrativa (0,35% massa salari) e del Fondo Prepensionamento (+ 0,10% per arrivare allo 0,20). Altra novità importante è il potenziamento del Fondo nazionale per il ricambio generazionale e l’istituzione di un Fondo per incentivare l’occupazione giovanile.

E’ stata mantenuta la funzione salariale del contratto con aumenti sui minimi, in piena sintonia con l’Accordo Interconfederale del 9 marzo scorso firmato tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria e soprattutto si è mantenuta e consolidata la  contrattazione territoriale che riparte dal primo luglio 2019. Fillea, Filca e Feneal di Ascoli Piceno e Fermo avevano sollecitato l’apertura del tavolo di discussione del contratto territoriale già da tempo, proprio nell’ottica di un miglioramento delle condizioni dei lavoratori, di regole condivise con le imprese e di una maggiore efficienza e funzionalità operativa della Cassa Edile e di tutti gli Enti Bilaterali.

“Il rinnovo del CCNL della scorsa settimana conferma  quanto già evidenziato nella piattaforma territoriale presentata a Dicembre scorso: la contrattazione di secondo livello diventa ancora più importante per il nostro territorio coinvolto nella ricostruzione post – sisma e per questo necessita di una sempre maggiore sinergia tra le organizzazioni sindacali e le associazioni datoriali, con l’obiettivo di garantire una sempre più efficiente gestione degli Enti Bilaterali, una attenta qualità nella ricostruzione e una attenzione massima sulla sicurezza dei lavoratori e sulla legalità negli appalti” affermano in una nota.

“Certamente il contratto nazionale appena rinnovato getta le basi per una contrattazione di secondo livello inclusiva e attenta ai bisogni dei lavoratori edili e di tutto il nostro territorio: auspichiamo che l’Ance di Ascoli Piceno e Fermo sia pronta a rispondere a questi bisogni insieme alle organizzazioni sindacali di settore” affermano in una nota.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.