ASCOLI PICENO – Concordati in un incontro al Mise tra azienda e sindacati gli incentivi all’esodo volontario per il gruppo Whirlpool per il prossimo biennio, un accordo che riguarda anche i lavoratori dei siti di Fabriano e Comunanza.

A quanto riportato da una nota dell’Ansa, l’incentivo più alto è previsto per chi opterà per l’uscita entro il 30 giugno prossimo e sarà pari a 85 mila euro per gli operai e a 24 mensilità nette per gli impiegati, con un minimo di 85 mila euro garantito. Per chi manifesterà la volontà dopo giugno ma entro il 31 dicembre 2019, l’incentivo sarà pari a 50 mila euro per gli operai o 18 mensilità nette per gli impiegati, con un minimo di 50 mila euro garantito.

Per chi, infine, sceglierà di uscire nel 2020, fino a dicembre dello stesso anno, l’incentivo ammonterà a 40 mila euro per gli operai o a 14 mensilità nette per gli impiegati, con un minimo garantito pari a 40 mila euro. Altre misure sono previste per che andrà in pensione entro il 2020 e il 2021.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.