RIGOPIANO – Era il 18 gennaio 2017 quando l’Italia centrale venne, nuovamente, colpita al cuore dopo gli eventi sismici del 2016. Le abbondanti nevicate e le scosse di terremoto provocarono la valanga che travolse l’Hotel Rigopiano a Farindola.

Una settimana di soccorsi e speranze. Alla fine il bilancio fu di 29 vittime e 11 superstiti. Quel giorno persero la vita anche Marco Vagnarelli e Paola Tomassini, coppia di Castignano

Sono passati due anni ma il dolore e la rabbia dei parenti delle vittime non trova ancora fine. Sono in corso le indagini, da parte della Procura di Pescara, per individuare i responsabili di una tragedia che per molte persone era evitabile.

Dal Governo, intanto, arriva un pacchetto di 4 emendamenti al decreto Semplificazioni, all’esame delle commissioni Affari costituzionali e lavori pubblici del Senato.

Le proposte vanno dallo stanziamento di 10 milioni ai familiari delle vittime e ai superstiti del “disastro di Rigopiano” a un intervento per precisare i confini della restituzione del prestito di 900 milioni ad Alitalia fino alla richiesta di assorbire nel provvedimento il decreto per il rinnovo dei consigli degli ordini circondariali forensi.

Il 18 sarà la giornata della memoria e della speranza che simili tragedie, e negligenze, non accadano più.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 2.622 volte)