LORETO – “Nella delicata situazione del mondo odierno, la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna assume un’importanza e una missione essenziali.È necessario riscoprire il disegno tracciato da Dio per la famiglia, per ribadirne la grandezza e l’insostituibilità a servizio della vita e della società”.

Lo ha detto Papa Francesco nel suo discorso ai fedeli davanti al Santuario della Santa Casa di Loreto, sottolineando che “la Casa di Maria è anche la casa della famiglia”. Nella sua visita, a quanto riportato da una nota dell’Ansa, alla città mariana, il Papa ha celebrato la messa all’interno della Santa Casa, che la tradizione vuole essere quella della Sacra famiglia di Nazareth, e vi ha firmato l’esortazione post-sinodale dedicata ai giovani, che si intitola “Christus vivit – Cristo vive”.

Ha anche annunciato che il “Centro Giovanni Paolo II” sarà rilanciato e diventerà un centro vocazionale dedicato ai giovani, al servizio di tutta la Chiesa italiana.

Durante il volo in elicottero che lo ha condotto stamane da Roma a Loreto, Papa Francesco ha trovato il modo anche di far sentire la sua presenza e la sua vicinanza alle popolazioni colpite dal terremoto nelle zone interne delle Marche. Alle 8:45 elicottero con a bordo il Pontefice si è abbassato sulla cittadina di Amandola e ha sorvolato a bassissima quota il campo sportivo, dove si erano radunati centinaia di residenti e gli alunni delle scuole che sventolavano bandierine bianche e gialle, i colori del Vaticano. Il Papa ha salutato i presenti dal finestrino dell’elicottero, mentre sul terreno i bambini erano disposti per formare la scritta “Ciao”.


Copyright © 2019 Riviera Oggi, riproduzione riservata.