ASCOLI PICENO – Sono 14.699 le domande per il reddito di cittadinanza presentate nelle Marche al 4 aprile. Lo rende noto l’Inps. Quelle presentate tramite Caf sono 11.529 (6.663 donne, 4.866 uomini), quelle tramite Poste italiane 3.170 (1.715 donne, 1.455 uomini). La provincia di Ancona è quella con il più alto numero di domane: 4.514, seguita da Pesaro Urbino con 3.302, Macerata con 2.996, Ascoli Piceno con 2.375 domande e infine Fermo con 1.512. Come nel resto dell’Italia a chiedere il reddito di cittadinanza sono più donne che uomini. Le Marche rappresentano l’1,82% delle domande presentate in Italia, che sono in totale 806.878.

Sono 19.110 le domande per il reddito di cittadinanza presentate in Abruzzo al 5 aprile scorso, sul totale nazionale di 806.878. I dati sono stati diffusi dall’Inps. Del totale regionale, 15.093 domande sono state presentate alle Poste e 4.017 ai Caf.Gli uomini che hanno fatto richiesta per il reddito di cittadinanza sono 10.350, le donne 8.760.”La Cgil – spiega il segretario regionale Carmine Ranieri – attraverso le sue strutture ha gestito una grande parte delle domande presentate ai Caf, che hanno lavorato bene. Non ci sono state difficoltà e le richieste sono state gestite tranquillamente. Bisogna ora vedere quante di queste domande verranno accettate e ci sarà una ulteriore fase di assistenza”. “Poi – aggiunge – partirà la fase 2 del programma, cioè la dichiarazione di disponibilità dei lavoratori che verranno presi in carico dai Centri per l’impiego e dalle agenzie. A nostro avviso ci saranno problemi, perché sarà difficile che gli utenti trovino una collocazione in un momento in cui il lavoro non c’è”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.