ASCOLI PICENO –  Danno appuntamento il 1°o dicembre alle ore 18 in piazza del Popolo ad Ascoli Piceno le Sardine del Piceno, il movimento anti-leghista nato a Bologna e diffusosi a macchia d’olio in poche settimane in tutta Italia attraverso il passaparola sui social.

“Questo movimento nasce a Bologna in contrasto alla campagna elettorale della Lega in Emilia-Romagna – spiega uno dei portavoce del movimento, Andrea Dominici – i nostri sono valori radicati come l’antifascismo e la non violenza, siamo contro ogni forma di discriminazione in genere. Parliamo ad un popolo rimasto silente, frastornato dalla retorica della destra sovranista, questo movimento nasce per dare voce a quel popolo. Anche ad Ascoli c’è un popolo che ha la necessità di esprimersi, quel sistema valoriale basato sull’odio non ci appartiene, anche qui ad Ascoli c’è chi rifiuta tutto questo e vuole riprendersi i luoghi della città. Non si può continuare a parlare di questa retorica che parla per tutti, vogliamo veicolare il messaggio che qui c’è questo popolo che vuole incontrarsi e mostrarsi, senza bandiere di partito, ci rivolgiamo ai ragazzi di tutte le età, dai più giovani a gli universitari”.

“Veicolare dei valori è politica anche se siamo apartitici – prosegue Dominici – i nostri valori dovrebbe appartenere a tutti i partiti, dietro di noi non c’è nessuno. C’è semplicemente un popolo che non si sente rappresentato, non ci sono partiti dietro. L’importante è esserci, battere un colpo, nessuno ha mai parlato di numeri, anche se domenica saremo in 200 sarebbe comunque un successo, quello che succederà dopo non è importante al momento, adesso bisogna farsi sentire”.

“Proporremo laboratori alla Rinascita sabato 30 novembre dalle 14.30  fino alle 17 – aggiunge Giacomo Eugeni – porteremo artisti per tagliare insieme le sardine per colorare la piazza, che dovrà essere colorata e pacifica, invitiamo tutti a metterci la faccia ed esporsi”.


Copyright © 2020 Riviera Oggi, riproduzione riservata.