ASCOLI PICENO – Dopo lo stop subito a Cittadella l’Ascoli Calcio si prepara all’ultima gara casalinga del girone di andata contro la Cremonese, in programma sabato 18 dicembre alle 14. A parlare in casa bianconera è Alessandro Salvi che ha scontato il turno di squalifica rimediato dopo l’espulsione contro il Parma.

“Ho visto in tv la partita contro il Cittadella – afferma il terzino – E’ stata forse una delle nostre prestazioni peggiori ma ci può stare dopo sei risultati utili; è mancata un po’ di cattiveria e di agonismo che di solito non facciamo mai mancare, è stato uno scivolone ma adesso pensiamo alla partita contro la Cremonese. Incontriamo una squadra forte sotto tutti i punti di vista. ha giocatori di esperienza e giovani bravi, ma altrettanto siamo noi: siamo una squadra forte, non dobbiamo smarrire la nostra identità. Sarà una partita difficile ma l’obbiettivo è sempre quello di vincere. Serviranno agonismo e determinazione, se mancano facciamo prestazioni come quella di Cittadella; difronte c’è una squadra ma dobbiamo giocare da Ascoli, senza farli giocare ed essendo bravi nelle preventive, sono convinto che noi il gol lo facciamo sempre e che faremo una grande prestazione“.

“Le battute d’arresto fanno parte del percorso – continua Salvi – anche se per me non dovrebbero capitare mai; cercheremo di chiudere al meglio questo girone di andata in cui abbiamo fatto buone cose ma bisogna puntare sempre al massimo ovvero fare 9 punti nelle prossime gare contro Cremonese, Ternana e Cosenza. La Serie B di quest’anno è più difficile, si sono squadre forti e attrezzate bene con giovani bravi; questa categoria non è mai facile, non sempre quella che spende di più poi vince. Sarà una partita difficile, come ho già detto, vogliamo che lo stadio sia pieno perché abbiamo bisogno del calore e dell’affetto dei nostri tifosi, ci fanno sentire quella spinta in più”.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.