ASCOLI PICENO – È stato presentato questa mattina, nella sala briefing del Comando Provinciale, il nuovo Comandante del Reparto Operativo dei Carabinieri di Ascoli Piceno, il Tenente Colonnello Vincenzo Orlando. Presente alla conferenza il Comandante Provinciale, Colonnello Giorgio Tommaseo, che ha dichiarato: «Oggi ho l’occasione di presentarvi il Tenente Colonnello Vincenzo Orlando, che prende il posto del Colonnello Quagliozzi, che ha adesso un nuovo incarico. Orlando ha le giuste premesse per ricominciare la stagione lavorativa nelle migliori condizioni, con un rimaneggiamento di più della metà dell’organico provinciale, dovuto ad alcune coincidenze nei tempi di permanenza. Presentiamo quest’oggi anche il Capitano Oscar Caruso, nuovo Comandante della Compagnia di Ascoli, che ha preso il posto del Colonnello Maurizio Biancucci: sono fiducioso e carico per l’insediamento di questo nuovo organico».

Presentandosi alla stampa, Vincenzo Orlando si è raccontato: «Sono nato in Puglia ma da sempre abito in Molise, vengo dalla realtà abruzzese, dove sono rimasto per 16 anni in attività a favore del territorio, quindi ho comandato compagnie di Vasto, Atessa, Lanciano con un intermezzo di 5 anni a Camerino, nel periodo del terremoto. Ho un bagaglio personale che mi permetterà di fare molto bene al reparto operativo, un reparto che prevede una linea strategica che dovrà far attenzione alle parole che ci dice il territorio: i reati-spia, quelli che ci accendono la lampadina su ciò che dobbiamo approfondire. Il territorio in cui mi accingo a lavorare è migliore rispetto a tante realtà, ma è facilmente raggiungibile da compagini criminose provenienti dall’esterno, i cosiddetti “pendolari del crimine”. Dobbiamo fare affidamento al senso civico della cittadinanza: ogni cittadino è una vigilanza in più. Io ho 35 anni di servizio, quindi le dinamiche criminali mi sono abbastanza note».

Anche Oscar Caruso ha ripercorso le tappe fondamentali di una carriera che lo porta quest’oggi a operare nel capoluogo piceno: «Il mio background professionale, dopo l’accademia militare a Modena, si è sviluppato in quasi tutta Italia. Sono di origini siciliane, ho una Laurea in Giurisprudenza e un Master di II livello in intelligence. L’impatto con Ascoli è stato positivo, è un contesto bello e soprattutto sano, da far rimanere così com’è. La nostra azione sarà prima di tutto preventiva, per far sentire più alto il senso di sicurezza ai cittadini. Sto cercando di conoscere prima possibile i comuni, i sindaci e le varie realtà locali per proseguire sulla linea del mio predecessore nel modo migliore possibile».

 


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.