ANCONA – Si sono chiusi i termini per due bandi regionali volti a contrastare il rallentamento produttivo attraverso la promozione di nuovi investimenti e il rafforzamento competitivo delle filiere.

Sono stati presentati 25 piani industriali di espansione produttiva, da parte di piccole, medie e grandi imprese, di cui 10 ricadenti nelle aree di crisi complessa, che potranno generare un incremento occupazionale di almeno 800 occupati a tempo indeterminato, e 11 progetti di filiera che coinvolgono 54 piccole e medie imprese collegate in progetti di rete.

Tutti gli interventi prevedono investimenti per 185 milioni di euro. “Si tratta di un segnale importante che mostra la vitalità che ancora caratterizza il nostro sistema imprenditoriale, e anche della sua attrattività per imprese che provengono da fuori.

Ci sono imprese che stanno mettendo in atto piani di crescita ed espansione che dobbiamo sostenere perché siano da traino alle filiere e ai sistemi produttivi locali della nostra regione”, afferma l’Assessore allo Sviluppo Economico Andrea Antonini.

I progetti investono le principali filiere in cui si manifesta la competitività del sistema Marche: casa e arredo, meccanica, sistema moda e nautica, in prima linea. Saranno finanziati sia con le risorse a disposizione sul bilancio regionale, sia con le risorse europee Fesr che saranno, a breve, a disposizione.


Copyright © 2022 Riviera Oggi, riproduzione riservata.