ARQUATA DEL TRONTO – “Non sono terminati i fondi per le perimetrazioni, abbiamo già redatto un piano delle frazioni che vogliamo perimetrare, probabilmente lo presenteremo a breve presso l’Ufficio Ricostruzione. I paesi che non saranno sottoposti a perimetrazione saranno Colle, Spelonga, Faete, Trisungo e Borgo. Tutto è soggetto ad altre possibili valutazioni, per ora con l’aiuto degli esperti abbiamo ritenuto opportuno seguire questa linea”.

Michele Franchi, vicesindaco di Arquata, spiega i prossimi obiettivi dell’amministrazione comunale.

“Ad Arquata, nel centro storico, stiamo rimuovendo le macerie nell‘archivio comunale – continua Franchi – abbiamo trovato dei manufatti, che non sono in condizioni irrecuperabili. Speriamo di poter recuperare, quanto più possibile, almeno i documenti più antichi. Lavoreremo successivamente per un restauro certosino della memoria storica del nostro comune”.

I Vigili del Fuoco hanno cominciato da poco il complesso recupero di un archivio, completamente ricoperto dalle macerie del municipio. Il Gruppo operativo speciale movimento terra dei Vigili del fuoco di Ascoli Piceno, hanno scavato a fondo, prima di riuscire ad intravedere i primi faldoni cartacei. Il lavoro è delicato, poichè devono essere estratti con cautela, considerando che sono rimasti sotto i detriti per un anno, tra intemperie e crolli continui.

Importante simbolo di Arquata è la Rocca, che pur avendo resistito alle forti scosse di agosto e ottobre 2016, necessita di ripristino immediato. “Oltre la sottoscrizione con la Banca, – spiega il vicesindaco Franchi – come amministrazione abbiamo sottoposto l’importanza dei lavori  all’attenzione del Ministero dei Beni culturali. Lo abbiamo ricordato anche al nuovo Commissario alla ricostruzione Paola De Micheli e al sottosegretario Maria Elena Boschi. Stiamo infatti cercando un finanziamento anche a livello governativo – afferma – per quanto riguarda le aree Sae, a breve consegneremo l’area di Borgo 1. Contiamo di farlo nei primi giorni della prossima settimana, in base alla consegna della ditta appaltatrice e dell’Erap al Comune di Arquata. In attesa del completamento dei lavori delle aree di Borgo 2, Faete e Spelonga, procederemo a breve con la messa in sicurezza delle strade, che comprendono l’accesso alle Sae”.

Franchi ha parlato anche della nuova Commissaria Paola De Micheli: “Abbiamo chiesto di essere presente in maniera costante, che non diminuisca l’attenzione del Governo per le problematiche e le difficoltà che il nostro territorio sta attraversando”.

(Letto 302 volte, 1 oggi)
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 302 volte, 1 oggi)