ARQUATA DEL TRONTO – Grande affluenza di giovani e famiglie al primo Open Day della Ricerca, dedicato alle popolazioni colpite dal terremoto.

L’evento, svoltosi lo scorso primo ottobre ad Arquata del Tronto, presso la scuola super moderna “Specchio dei Tempi”, di recente inaugurazione, è stato organizzato dall’associazione “Il Portico di Padre Brown”, in collaborazione con l’Enea (agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile), la dirigente scolastica dell’Isc di Acquasanta Terme Patrizia Palanca e la Protezione Civile.

L’iniziativa, realizzata grazie alla disponibilità di un team di scienziati che ha raccontato le proprie esperienze di studio e di lavoro ad una folla partecipe e interessata, ha rappresentato un’occasione unica per far conoscere le eccellenze della ricerca italiana e le opportunità per il futuro a ragazzi, studenti e famiglie, coniugando, in un clima spensierato e informale, un inedito pomeriggio di studio con il divertimento di laboratori didattici insoliti e sperimentali.

“Di questa giornata porto con me il sorriso dei ragazzi presenti, che hanno avuto modo di vivere in maniera anomala e sicuramente emozionante l’avventura della conoscenza – commenta la giornalista ascolana Pina Traini, promotrice dell’evento e presidente dell’associazione “Il Portico di Padre Brown” – Il team dell’Enea ha mostrato a questi giovani come l’amore per lo studio e la ricerca possa trasformarsi in un appassionante percorso di vita e di eccellenza. Nel corso del pomeriggio tutti i presenti hanno potuto imparare divertendosi e cimentandosi con esperimenti vari, tra illusioni ottiche e acustiche, ricostruzioni 3-D, giochi con la luce. Non ultimo, a suggello di una meravigliosa giornata, abbiamo ricevuto un “dono aggiunto al dono”: il concerto del Gruppo Corale Entropie Armoniche, un’esperienza davvero unica”.

A rafforzare le parole della Traini si unisce Patrizia Palanca, dirigente scolastico dell’Istituto comprensivo di Acquasanta Terme, di cui fa parte anche Arquata del Tronto: “Ringrazio Pina Traini che da sempre organizza eventi di elevato spessore culturale. L’Open Day della Ricerca ha restituito alla scuola “Specchio dei Tempi” il giusto lustro e il senso per cui essa è stata costruita. L’istituto, moderno e innovativo, ha avuto il privilegio di ospitare gli scienziati dell’Enea e si è confermato struttura ideale per la realizzazione di laboratori scientifici di alto livello. Abbiamo assistito ad un momento indimenticabile che ha unito studenti di tutti i plessi scolastici, in una giornata all’insegna della ricerca e della didattica laboratoriale”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 57 volte, 1 oggi)